Virgilio Sport

L'Inter rinasce su rigore, Juventus furibonda. Highlights e pagelle

Un penalty calciato due volte da Hakan Calhanoglu decide un durissimo derby d'Italia e rilancia i nerazzurri nella lotta scudetto: i bianconeri accusano arbitro e Var.

Pubblicato:

L’Inter di Simone Inzaghi si porta a casa, con estrema fatica e una sofferenza enorme, uno dei Derby d’Italia più combattuti e duri del recente periodo. I nerazzurri trovano i tre punti grazie a un incredibile rigore realizzato da Hakan Calhanoglu, al secondo tentativo concessogli da Irrati.

Inizialmente infatti il turco si era fatto ipnotizzare da Szczęsny, poi sulla ribattuta era arrivato il gol nerazzurro. Tutto bene? No, perché Irrati aveva visto un fallo in attacco assegnando quindi una punizione alla Juventus. Ancora una volta però il Var richiama il direttore di gara, che fa notare la presenza di De Ligt nell’area bianconera prima del calcio di Calhanoglu. Il risultato è la ripetizione del penalty e il gol di Calhanoglu, davvero freddissimo a non cambiare angolo.

In generale è stata una partita con tantissimi falli, tanti scontri durissimi e al limite, tanti gialli. Nel secondo tempo si è giocato solamente nella metà campo nerazzurra, con la Juve che ci ha provato in tutti i modi ma senza mai trovare la via della rete.

Delusione enorme per la Juventus, che in fondo al cuore coltivava ancora ambizioni Scudetto. Risorge invece l’Inter, che confidando anche nella partita ancora da giocare contro il Bologna si ributta dentro la corsa per la Serie A.

Juventus-Inter, gli highlights

  • 09′: Traversa della Juventus. Mischia clamorosa nell’area nerazzurra in seguito a una smanacciata di Handanovic, la palla resta li e dopo un rimpallo il pallone finisce sulla traversa.
  • 14′: Conclusione dalla linea della trequarti di Juan Cuadrado, Handanovic respinge coi pugni.
  • 29′: Molti rimpalli nell’area dell’Inter dopo un tiro di Morata, anche in questo caso però la squadra di Inzaghi se la cava. 
  • 45′: Gol dell’Inter con un rigore di Hakan Calhanoglu. Qui ci sarebbe da scrivere parecchio per raccontare la vicenda. Penalty concesso dopo un on field review per un fallo su Dumfries, Calhanoglu sbaglia il rigore ma poi l’Inter segna sulla ribattuta. Irrati però annulla tutto per un fallo in attacco ma viene ancora una volta richiamato dal Var. De Ligt infatti era entrato in area prima del calcio del turco, ed ha partecipato all’azione quindi il rigore si ripete. Sulla seconda battuta Calhanoglu finalmente segna. 1-0 Inter all’Allianz Stadium.
  • 52′: Altro errore di Handanovic, vera croce dell’Inter questa sera, Dybala mette in mezzo ma Brozovic alla fine salva.
  • 58′: Ancora pericolosissima la Juventus, e questa volta è Perisic a salvare tutto in anticipo prima che Vlahovic si avventi sul pallone.
  • 63′: Vlahovic a un passo dal gol. Si libera da solo di due difensori, col tacco, e calcia col destro. A un soffio dal pari.
  • 68′: Nel secondo tempo c’è quasi solo la Juventus in campo che spinge e ci prova in tutti i modi, l’Inter tiene con le unghie e con i denti senza quasi farsi vedere in avanti.
  • 72′: Clamoroso palo di Zakaria dopo una progressione centrale mostruosa. Box to box che avrebbe fatto impazzire tutti gli stadi inglesi. 
  • 81′: Bel recupero di Darmian vicino alla bandierina, la butta in mezzo rasoterra per il neo entrato Correa che però calcia alto col corpo all’indietro
  • 90′: Fino alla fine la Juve spinge con tutti gli uomini, oggi la palla non vuole entrare, non c’è niente da fare.

La cronaca integrale di Juventus-Inter

Juventus-Inter, come ha arbitrato Irrari

Come ha arbitrato Irrati? In modo molto confuso sicuramente. Proviamo a spiegare meglio quanto successo in occasione del rigore di Calhanoglu. Il penalty è stato concesso per un pestone di Morata su Dumfries dopo un on field review. Anche qui il rigore appare generoso, ma andiamo avanti. Calhanoglu si incarica della battuta ma viene respinto dal portiere bianconero.

Dopo di che succede di tutto. Tutti i giocatori si avventano sulla sfera, Danilo cade dopo una spinta di Calhanoglu e la palla finisce in rete. L’arbitro però annulla il gol e assegna fallo in attacco. Il Var, a questo punto, richiama però ancora Irrati. A quanto sembra De Ligt è entrato in area poco prima che il turco calciasse il pallone, ed essendo in posizione attiva al momento della ribattuta il rigore è da ripetere.

Questo ha portato a un primo tempo di 55 minuti, a una confusione enorme e a un nervosismo nel secondo tempo che proprio ha stonato con il pre gara. Irrati non ha tenuto in mano la situazione, ha dato un’infinità di cartellini senza avere il polso della situazione. A sua discolpa, la partita era molto cattiva anche prima del rigore, e dopo lo è stato ancora di più.

Juventus-Inter, i migliori e i peggiori

Perisic 6,5: Giocatore ovunque, non lascia passare un pallone. Copre indietro e si fa vedere in avanti. Grande stagione del croato.
Handanovic 6: Non prende gol, ma è molto indeciso in qualche situazione di troppo. Non la miglior versione del capitano nerazzurro.
Lautaro Martinez 5: Altra partita sottotono del Toro, non si fa vedere in attacco e non da una mano alla manovra. 
Brozovic 6: Cerca di mantenere ordine in una gara molto complicata e nervosa. Non commette errori enormi, dialoga con Barella e poco più. Buona una copertura difensiva.
Calhanoglu 7: Grande merito per il rigore realizzato. Non è assolutamente semplice presentarsi sul dischetto dopo aver appena sbagliato il rigore precedente. 

Dybala 5,5: La Joya, all’ultimo Derby d’Italia con la Juventus ci prova eccome, si sbatte, si rende anche pericoloso. Manca solo il gol, e non è poco per una punta.
Vlahovic 6: Anche il serbo ci prova in ogni modo ma oggi sembra che la porta sia stregata. Magistrale come si libera dei difensori nel secondo tempo, da vero 10. 
Cuadrado 6: Anche il colombiano lo si vede sempre in avanti, serve spesso palle rasoterra arretrate mai sfruttate dai compagni. Il suo lo fa. 
Rabiot 6: Spesso criticato, gioca una partita onesta il francese. Senza strafare, come suo solito, ma se la Juve perde la colpa non è sua.
Morata 6,5: Ci prova parecchio Alvaro, che fa molto bene in coppia con Vlahovic. Purtroppo la sfortuna e la poca precisione gli impediscono di trovare la rete, ma oggi è stato uno dei migliori.

Juventus-Inter, Skriniar: “Per lo Scudetto ci siamo”

Ai microfoni di DAZN si presenta il difensore centrale classe 1995 Milan Skriniar. Ecco le sue parole:

“Sono tre punti che pesano tantissimo. Sapevamo chi avevamo contro e quanto sarebbe stato difficile. Avevamo bisogno di questa vittoria, abbiamo lottato fino alla fine sacrificandoci, sarà una bella spinta per le prossime partite. Poco brillanti? Partite di questo tipo si vincono anche così, in questa fase della stagione conta vincere, non giocare bene”.

Tags:

Leggi anche:

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...