Virgilio Sport

Mondiali, Szczesny vuol far cambiare idea ad Allegri ed ora è già Juve-Inter

Il portiere della Polonia protagonista assoluto con l'Arabia, ora la sfida-qualificazione contro Messi e Lautaro

27-11-2022 09:24

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua lunga carriera ha vissuto da inviato importanti eventi come i Giochi Olimpici, i Giochi del Mediterraneo e gli Europei di Calcio. Ha collaborato con importanti agenzie di stampa e quotidiani nazionali. Se fosse un calciatore, sarebbe sicuramente l’uomo d’ordine (e il capitano in pectore). Per Virgilio Sport cura specialmente la sezione dedicata al Calcio

Più di Zielinski e Lewandowski il merito è suo: se la Polonia è tornata prepotentemente in corsa per la qualificazione agli ottavi dei Mondiali, grazie al successo sull’Arabia Saudita, lo si deve soprattutto alle parate di Tek Szczesny. Il portiere della Juventus è stato una vera saracinesca e non solo per la doppia parata miracolosa sul rigore in chiusura di primo tempo. Una gara impressionante che ripropone il dubbio anche in casa bianconera: davvero vale la pena darlo via per prendere Carnesecchi o Vicario?

Mondiali, Szczesny para-rigori da sempre

Quello neutralizzato ad Al Dawasari è il 25esimo rigore neutralizzato dal portiere polacco, uno su tre la media impressionante. E tra i suoi segreti c’è anche il lavoro speciale fatto col preparatore dei portieri della Juve. Lui ci scherza su: “Non vorrete dare tutti i meriti a Filippi adesso? Scherzo, abbiamo trovato un metodo di fare l’analisi dei rigoristi alla Juve e ogni tanto si para. Negli ultimi due anni la statistica è molto positiva, i rigori parati sono più di quelli subiti: direi che il metodo funziona”.

“Avevo studiato come Al Dawsari tira i rigori. Sapevo che avrebbe aspettato di vedere che cosa avrei fatto prima di tirare, mi sono mosso verso sinistra e poi sono andato a destra e alla fine lui ci è cascato. È stato più difficile parare il tiro ad Alburayk anche se, in caso di gol, l’arbitro lo avrebbe dovuto annullare perchè era entrato troppo presto in area. Avremmo potuto chiudere la partita con un risultato più ampio. Soprattutto negli ultimi minuti ed è un po’ un peccato. È bello vincere una partita di Coppa del Mondo. È davvero una sensazione molto speciale”.

Mondiali, Szczesny ora aspetta Lautaro e Messi

Per passare il turno ora la Polonia aspetta l’Argentina di Messi ma anche di Lautaro ed è una specie di Juventus-Inter: “Si viene al Mondiale per giocare contro i giocatori più forti al mondo. Con tutto il rispetto per i giocatori dell’Arabia Saudita, io voglio confrontarmi con i migliori e Messi è sicuramente uno di questi. È un bello stimolo, sì. Lautaro? Non riduciamo tutto a Juve-Inter, non c’entra nulla, siamo qui con le nostre nazionali e pensiamo solo a quelle”.

Mondiali, Szczesny ha un contratto in scadenza nel 2024 con la Juve

Con la Juve il portiere ha un contratto in scadenza nel 2024 (con opzione per il 2025) ma il suo posto, stando a radio-mercato, è insidiato dai giovani Marco Carnesecchi e Guglielmo Vicario. Pesa l’attuale ingaggio da 6.5 milioni di euro ma con i Mondiali Szczesny vuol far cambiare idea ad Allegri e Cherubini. I numeri, finora, sono tutti dalla sua parte: due partite giocate, due clean sheet e nove tiri in porta su nove respinti.

Sul web i tifosi della Juve lo promuovono: “E’ il miglior portiere della serie A insieme a Maignan” o anche: “Deve rimanere con noi”, oppure: “Fino al prossimo gol che subirà può respirare. Allora gli stessi che oggi lo mettono sull’altare lo copriranno di fango”.

Infine una chiosa un po’ strumentale: “Szczesny, McKennie, Rabiot, Alex Sandro, Danilo è bastata mezza giornata lontani dal triceratopo livornese per smontare qualsiasi argomento sulla “rosa scarsa”, sul “siamo questi” e sul “Allegri cosa può fare??”. MEZZA GIORNATA”.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...