Virgilio Sport

MotoGP, Pol Espargaro: elogi all’Aprilia e critiche a Honda e Marquez

Il pilota Honda critica l'atteggiamento della casa nipponica nei suoi confronti e nella predilezione per Marquez. Allo stesso tempo esalta il lavoro di Aprilia e del fratello Aleix.

30-10-2022 18:29

Due podi in due anni per il pilota spagnolo della Honda Pol Espargaro, fratello di Aleix Espargaro che in questa stagione ha lottato con Quartararo e Bagnaia per il titolo Mondiale, salvo poi arrendersi nelle ultime gare.

Pol, dopo il passaggio da KTM alla RC213V, non ha ottenuto i risultati sperati, lanciando oggi un’accusa neanche troppo velata nei confronti della casa nipponica sul fatto di preferire e di prediligere quasi esclusivamente l’assetto per l’otto volte iridato Marc Marquez.

Inoltre, si spende in grandissimi elogi per l‘Aprilia e per il lavoro compiuto da Aleix.

Pol Espargaro contro la Honda: “Con questa moto vincerà solamente Marc Marquez”

Espargaro al termine di questa stagione andrà in KTM col team Tech 3, una scuderia che conosce molto bene e con la quale ha conquistato molti podi prima del 2020. Sin dal suo arrivo in Honda, comunque, ha sostenuto di non aver mai ricevuto molto supporto per quanto riguarda le modifiche della moto.

Queste le sue parole riportate da Corsedimoto.com

“Fino dalle corse dopo l’inizio in Qatar ho combattuto, ma non ho ricevuto niente per rendere migliore il mio feeling e ho lavorato solamente in ottica set-up. Si può fare meglio leggermente grazie all’assetto, tuttavia quando tutti vanno talmente forte, c’è bisogno di nuove parti per rendere migliore il feeling. Non mi hanno dato nulla”.

La sua situazione è simile, ma diametralmente opposta, a quanto sta facendo Ducati con Jack Miller, destinato a lasciare la casa di Borgo Panigale che comunque gli mette a disposizione il miglior materiale possibile: “Ha il miglior materiale fino alla fine e pieno supporto dalla sua Casa”.

Infine, il suo discorso si concentra più su Marc Marquez, prevedendo che l’otto volte iridato sarà l’unico in grado di guidare l’RC213V dato che la Honda punta solo ed esclusivamente su di lui:

“Marc utilizza un forcellone, un telaio e un pacchetto aerodinamico differenti dai miei. Il suo stile di stare in modo è totalmente differente rispetto a me. Marc è Marc, è ogni volta veloce. Non cerco scuse, tuttavia le cose stanno così. Credo che si debba tentare ogni cosa con entrambi i rider in modo da avere alla fine punti di vista oggettivi. Se il nuovo pilota avrà i miei stessi problemi, dunque sarebbe in grado di lavorare per fare meglio. Nella prossima stagione di MotoGP le cose potrebbero non essere così differenti… In futuro solo Marc sarà veloce, non gli altri piloti”.

L’elogio all’Aprilia e al fratello Aleix: “Hanno fatto qualcosa di straordinario”

Pol inoltre fa i complimenti, tramite i canali ufficiali della MotoGP, alla stagione del fratello Aleix. In sella all’Aprilia infatti è stato un Diavolo, spaventando e superando spesso i due contender per il mondiale Bagnaia e Quartararo.

Un lavoro molto superiore alle aspettative iniziali e che Pol riconosce come incredibile. Queste le sue parole:

“In questo momento né Aleix né Aprilia capiscono bene quello che hanno fatto in questa annata dato che è difficile avere il quadro generale. Ma sono sicuro che dopo la gara di Valencia se ne renderanno conto. Nessuno si aspettava che le cose andassero così bene quest’anno, neppure loro stessi. Sia Aleix che l’Aprilia sono stati davvero super Spero un giorno di riuscire io stesso a disputare un campionato del genere. Ultima gara a Valencia? Tutto può succedere, ma credo che Bagnaia sia il favorito. Anche nel 2006, però, i fuochi d’artificio erano gialli e invece Hayden batté Rossi”.

MotoGP, Pol Espargaro: elogi all’Aprilia e critiche a Honda e Marquez

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Lazio - Milan

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...