Virgilio Sport

Pioli promuove il carattere del Milan ed esalta Leao. Cori razzisti: la rabbia di Maignan e le parole di Ibra

Il tecnico dei rossoneri soddisfatto per la determinazione mostrata dai suoi nel ribaltare il risultato nel finale. Poi il portiere francese spiega perché aveva abbandonato il campo.

Pubblicato:

Nel corso delle ultime settimane lo hanno discusso molto, ma nel successo del Milan di Udine c’è tanto anche di Stefano Pioli. Che azzecca i cambi e rivitalizza a tal punto la squadra che nei minuti finali passa dal 1-2 al 3-2 con le reti dei subentranti Jovic e Okafor. Ha il sapore della beffa, invece, questa sconfitta per i friulani che a 10 minuti dal termine della gara era davvero inimmaginabile. Il Diavolo va a -6 dall’Inter.

Il carattere del Milan e il caso Maignan

Vittoria sofferta per il Milan ma che inorgoglisce Stefano Pioli: “Serve carattere per vincere certe partite. È stata sporca come ci aspettavamo ma è un passo in avanti per la determinazione mostrata“. Sul caso Maignan e i cori razzisti: “Dispiace a lui che l’ha subito in prima persona ma anche a me, sono fiero di allenare un ragazzo come lui. Gli ignoranti devono stare a casa, queste sono cose che non vanno più bene“.

Pioli promuove anche il discusso Leao

Ha fatto discutere la prestazione di Rafa Leao, promosso però da Pioli: “Leao deve capire le situazioni ma lo sta facendo. A me stasera è piaciuto per quello che ha fatto, per i movimenti. Ma lui non deve lavorare così tanto in fase difensiva, ovvio che deve crescere ma è un ragazzo intelligente. Chiaro che non può essere sempre determinante ma lui ci crede sempre quando attacca. Deve continuare così, i numeri poi miglioreranno ma oggi ha fatto una buona prestazione“.

Niente scudetto, ma politica step by step

Non c’è lo scudetto nei pensieri di Pioli: “Non è la fiamma scudetto che ci tiene vivi. Ci siamo ripromessi di fare un girone di ritorno migliore di quello dell’andata. Questa è la nostra volontà e siamo convinti di poterci riuscire. Pensiamo solo a vincere le partite, null’altro se non al Bologna poi alle altre gare che verranno“. Lo scudetto passato è solo un ricordo: “Siamo una squadra diversa rispetto a quella dello scudetto, gli avversari poi sono diversi. Credo che possiamo migliorare e diventare più solidi ed equilibrati. Mancano tanti punti per confermare il terzo posto e guardare avanti“.

La rabbia di Maignan per i cori subiti

Il più atteso dopo il 90esimo era Mike Maignan protagonista di un gesto forte dopo i cori razzisti subiti in campo: “Dopo una serata così c’è di positivo che abbiamo vinto. Ma nel primo tempo è accaduto qualcosa che non deve accadere in uno stadio. Hanno fatto il verso delle scimmie. Dobbiamo per forza reagire così per far capire. Noi siamo qui per giocare a calcio, per dare tutto ai tifosi e fare spettacolo. Anche io ero dispiaciuto di andare nello spogliatoio ma tutti erano dalla mia parte. Cosa ho provato? Ero arrabbiato, non deluso ma non è la prima volta che succede. Cosa mi ha detto Ibra? Vinciamo la partita che è la miglior risposta“.

Pioli promuove il carattere del Milan ed esalta Leao. Cori razzisti: la rabbia di Maignan e le parole di Ibra Fonte: ANSA

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...