Virgilio Sport

Rugby Sei Nazioni, Italia-Inghilterra: Quesada sceglie una squadra collaudata, spazio ai fratelli Garbisi

Il neo commissario tecnico Quesada ha scelto il XV che sfiderà l'Inghilterra nel debutto nel Sei Nazioni 2024. Poche sorprese: la numero 9 ad Alessandro Garbisi.

Pubblicato:

Roberto Barbacci

Roberto Barbacci

Giornalista

Giornalista (pubblicista) sportivo a tutto campo, è il tuttologo di Virgilio Sport. Provate a chiedergli di boxe, di scherma, di volley o di curling: ve ne farà innamorare

La prima Italia di Gonzalo Quesada è fatta: sabato contro l’Inghilterra (ore 15,15, diretta su Sky Sport 1 e in chiaro su TV8) il tecnico argentino farà il suo esordio sulla panchina azzurra, convinto che contro i maestri inglesi (reduci dal terzo posto mondiale) ci possa essere spazio per qualche sorpresa. Di sicuro però non c’è stato spazio per molti esperimenti: il XV scelto da Quesada va nella direzione di una continuità consolidata con quanto visto nell’ultima parte dell’era Crowley. Una scelta ben precisa spiegata nei dettagli dal neo commissario tecnico, convinto che il tutto pagherà dividendi.

La mediana dei fratelli Garbisi: “Conoscono bene la mischia”

Non se l’è sentita Quesada di stravolgere un impianto collaudato, avendo avuto pochissimo tempo a disposizione per lavorarci su (un raduno senza toccare ovale a dicembre e due giorni a inizio gennaio, ma con tanti assenti). “Assieme allo staff abbiamo cercato di individuare quelli che reputavamo essere i principali punti di riferimento in questa particolare fase della stagione. Abbiamo cioè deciso di mettere in campo giocatori che si conoscono tra loro, perché abituati a giocare nelle franchigie o comunque per aver condiviso esperienze in nazionale. Non era giusto prendersi troppi rischi in questa fase, perché c’è stato troppo poco tempo per impararsi a conoscere”.

Forse la scelta più rilevante è quella che ha interessato la maglia numero 9, con Alessandro Garbisi preferito a Varney e Page-Relo. “Garbisi avrà modo di giocare accanto a suo fratello Paolo (mediano d’apertura), ma soprattutto con un pacchetto di mischia che è quello del Benetton, la squadra dove milita. È una questione di conoscenza e comunicazione: da qualche punto fermo bisognava ripartire, e questa è stata la soluzione che c’è sembrata migliore di tutte. Anche se Varney e Page-Relo avrebbero meritato una chance, ma il primo s’è allenato poco per via di un problema al polpaccio, mentre il secondo ha bisogno di tempo per inserirsi appieno nei nuovi automatismi”.

Capuozzo all’ala per liberare il piede di Allan

Quesada ha scelto uomini per impostare una partita tanto fisica, quanto tattica. Si spiega così la decisione di affidarsi ad Allan come estremo, sperando che i suoi calci possano conquistare territorialità e soprattutto rivelarsi difficili da leggere dalla difesa inglese. Capuozzo e Ioane alle ali garantiscono velocità, imprevedibilità e inserimenti, mentre il ritorno di Menoncello accanto a Brex rappresenta il meglio che una coppia di centri può offrire oggi non soltanto nel panorama italiano, ma forse anche continentale. Capuozzo può giocare sia ala che estremo, dipende dal tipo di partita e questa richiede che possa ricoprire questo ruolo. Anche perché avremo bisogno di un piazzatore dell’efficacia e del talento di Allan, che potrà darci tanti punti di riferimento al piede”.

Usato sicuro e qualche novità in panchina

Detto dei fratelli Garbisi all’apertura e alla mischia, in terza linea esperienza e qualità si fondono con Negri, Lamaro e Lorenzo Cannone chiamati a una partita di grande sacrificio. Niccolò Cannone e Ruzza sono la coppia di saltatori scelta per contrastare la touche britannica, mentre in prima linea si va di artiglieria pesante con Ceccarelli, Lucchesi e Fischetti, pedine chiave in una mischia che dovrà fare i conti con i chili e i centimetri avversari.

Se si vogliono cercare novità, basta buttare un occhio sulla panchina, un 6+2 dove gli unici trequarti sono Varney e Pani, quest’ultima pedina chiave in corso d’opera per via della sua versatilità. In prima linea si rivede Zilocchi (era assente al mondiale) mentre Mirco Spagnolo è alla prima chiamata assoluta. Non ha trovato spazio nel XV Manuel Zuliani, appena eletto dalla United Rugby Championship secondo miglior giocatore del torneo dopo una ricerca effettuata su determinati parametri offensivi e difensivi, che subentrerà al pari di Nicotera, Zambonin e Iachizzi.

Non sei un super esperto di rugby? Qui il glossario con tutti i termini della palla ovale che devi assolutamente conoscere.

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...