Virgilio Sport

Serie B, Venezia-Brescia 2-0: Tessmann trascina i lagunari al terzo posto in classifica

Nel posticipo della 33esima giornata di Serie B il Venezia ha la meglio sul Brescia: tra tante occasioni dei lagunari spicca Tessmann, che realizza la doppietta decisiva. Ospiti inconcludenti dal punto di vista offensivo

Pubblicato:

Luca Santoro

Luca Santoro

Giornalista

Esperto di Motorsport ma, più in generale, appassionato di tutto ciò che sia Sport, anche senza il Motor. Dà il meglio di sé quando la strada fa largo alle due o alle quattro ruote

La 33esima giornata dei Serie B 2023/2024 si è conclusa oggi con il posticipo di scena allo stadio Penzo, che ha visto fronteggiarsi due squadre che, in questi ultimi turni del campionato cadetto, si giocano l’occasione per poter ambire alla promozione in A. Quella diretta, che punta il Venezia padrone di casa oggi e che con tre punti avrebbe superato la Cremonese al terzo posto della classifica; quella che invece passa per i play-off, zona che il Brescia ha nel mirino.

Ebbene, Venezia-Brescia si è concluso 2-0 per i Leoni Alati, trascinati da uno sfavillante Tessmann (autore dei due gol): missione quindi compiuta, con i lagunari ora al terzo posto della classifica a -3 dallo scatenato Como sulla piazza d’onore dietro alla capolista Parma.

Serie B, Venezia-Brescia: la chiave della partita

Ritmi bassi nel primo tempo, dove hanno spiccato in negativo le prestazioni piuttosto incolori dei bomber delle due squadre, ovvero Pojhanpalo (un po’ più in vista nella ripresa) e Moncini. Ma il Venezia nel secondo spinge all’assedio il Brescia, pur non capitalizzando diverse possibilità offensive decisamente più spiccate rispetto agli ospiti, che devono rendere grazie alla capacità del loro portiere Lezzerini di aver arginato la potenza di fuoco lagunare.

I lagunari si sono proposti con un 4-3-1-2 con Vanoli che ha schierato come punte la coppia Gytkjaer-Pohjanpalo, con il bomber scandinavo che ad oggi ha messo a segno ben 19 reti in 27 partite. Dietro al duo d’attacco poi ecco Bjarkason come supporto, mentre gli uomini di Maran si sono disposti in partenza con il medesimo modulo e un dinamico duo di attaccanti quale è quello composto da Bianchi e Moncini. Assente Borrelli per infortunio ed anche Adorni, che ha lasciato disadorna la difesa.

Primo tempo: si parte in ritardo, fumogeni in campo

Il match, iniziato con qualche minuto di ritardo, è stato più volte funestato dal lancio di fumogeni in campo, che talvolta hanno rallentato il corso della partita. In ogni caso Brescia subito arrembante nel primo tempo con un primo tentativo ad opera di Paghera, che prova il colpaccio dai 20 metri per andare però ad impattare con la palla sulla traversa. Successivamente ha la sua occasione anche Bisoli, che però spreca con un tiro debole facilmente intercettato dal portiere Joronen.

I lombardi riescono a irretire il Venezia, incapace nell’avvio di poter liberare la propria temibile coppia d’attacco; ma i lagunari fanno un tentativo con Gytkjaer, che al 16′ colpisce però il palo. I padroni di casa tuttavia riescono a portarsi in vantaggio al 20′ con Tessmann, autore di un destro al volo sfruttando la respinta di Lezzerini. Sverko firma poi il raddoppio, annullato però dal controllo del Var (galeotta fu la spinta di Idzes nei confronti dell’estremo difensore bresciano).

Secondo tempo: il Venezia pressa il Brescia e chiude la partita

Nella ripresa il Brescia si ripropone con un traversone di Bianchi dopo una azione ben costruita, ma senza essere pericolosa per il portiere del Venezia. Ma i lagunari prendono il controllo delle operazioni e si riavvicinano di nuovo al raddoppio con Ellertsson: ancora una volta Lezzerini non si fa trovare impreparato. Mentre il Brescia passa praticamente al 4-4-2 con l’ingresso di Bjarnason, ecco spuntare Pojhanpalo alla sua prima azione pericolosa del match, ovvero un colpo di testa che sfiora la possibilità di entrare in porta (e comunque nella traiettoria di Lezzerini).

Il Venezia la chiude quindi al 90′, di nuovo Tessmann, con un’azione partita dal cross di Lella per poi mandare la palla su sponda di Pierini nella scia del centrocampista che, deviandola, segna il raddoppio.

Serie B: il programma della 33esima giornata

Questi i risultati della 33esima giornata di serie B:

Venerdì 12 aprile

  • Modena-Catanzaro 1-3
    Marcatori: 16’ Iemmello (C), 25’ Vandeputte (C), 34’ Tremolada (M), 68’ Iemmello (C)

Sabato 13 aprile ore 14

  • Cittadella-Ascoli 0-0
  • Cremonese-Ternana 1-2
    marcatori: 13′ Tsadjout (C), 17′ Favilli (T), 96′ Di Stefano (T)
  • Pisa-FeralpiSalò 3-1
    marcatori: 15′ e 94′ Valoti (P), 38’Arena(P), 83′ Dubickas (F)
  • Como-Bari 2-1
    marcatori: 38’Gabrielloni (C), 60′ Da Cunha (C), 90′ Puscac (B)
  • Sampdoria-Sudtirol 0-1
    marcatori: 49′ Tait

Sabato 13 aprile ore 16.15

  • Cosenza-Palermo 1-1
    marcatori: 44′ pt Buttaro, 17′ st Tutino (rig).
  • Parma-Spezia 2-0
    marcatori: 46′ pt Hernani, 42′ st Charpentier.
  • Lecco-Reggiana 1-0
    marcatori: 16′ st Ionita

Il resoconto della giornata di sabato con le sintesi di ogni match

Domenica 14 aprile ore 16.15

  • Venezia-Brescia 2-0
  • Marcatori: Tessmann 19′, 90′.

Serie B: la classifica aggiornata

Questa la classifica aggiornata della serie B una volta conclusa la 33esima giornata:

Classifica: Parma 69, Como 64, Venezia 61, Cremonese 59, Catanzaro 55, Palermo 51, Brescia 45, Sampdoria** 44, Cittadella e Pisa 43, Sudtirol 42, Reggiana 40, Modena 39, Cosenza e Ternana 36, Spezia e Bari 35, Ascoli 33, FeralpiSalò 31, Lecco 26.

*2 punti di penalizzazione alla Sampdoria

Serie B: la classifica marcatori

Tags:

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...