Virgilio Sport

Sinner al Quirinale con il presidente della Repubblica Mattarella: la risata per Sonego, l'abbraccio a Berrettini. Quando torna a giocare

Il campione degli Australian Open 2024 ha incontrato il capo dello Stato a Roma: per lui tre giorni intensi, con il no a Sanremo

Pubblicato:

Elisabetta D'Onofrio

Elisabetta D'Onofrio

Giornalista e content creator

Giornalista professionista dal 2007, scrive per curiosità personale e necessità: soprattutto di calcio, di sport e dei suoi protagonisti, concedendosi innocenti evasioni nell'ambito della creazione di format. Un tempo ala destra, oggi si sente a suo agio nel ruolo di libero. Cura una classifica riservata dei migliori 5 calciatori di sempre.

Quando ormai ci soffermiamo su quel che si riassume nel suo stile, alludiamo alle scelte più consapevoli e informate di quella che preferiamo chiudere nella generazione Sinner. Un ventiduenne capace di prendere pubblicamente le distanze dalla relazione tossica con i social e l’uso incontrollato o abusato dello smartphone.

Ma anche alla sua indubbia qualità di comunicare con una certa spontaneità e immediatezza, nonostante la prossimità ai media e all’esperienza consolidata in qualità di brand ambassador e interprete dei marchi che lo sponsorizzano e che ha imparato a gestire.

Jannik Sinner al Quirinale con la squadra

In Jannik Sinner individuiamo anche le risorse che lo hanno condotto quasi a frenare una timida risata (colpa di Sonego?) che anticipava il suo discorso, scritto su un foglietto forse per agevolarne la lettura davanti alla squadra della Davis e al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al quale poi ha stretto la mano e contemporaneamente poggiato l’altra sulla spalla.

Il gesto nei confronti del presidente Mattarella

Un gesto quasi informale, considerato ruolo e rango istituzionale, ma che denota l’estrema cordialità di un presidente in grado di avvicinare la meglio gioventù al Quirinale nell’anno di grazia 2024. E che ha lodato il dono di Jannik, una racchetta leggera, di ultimissima produzione. Un incontro tra protagonisti, diversamente emblematici, carismatici in quest’era.

“Incredibile quanta voglia abbia di imparare la storia del tennis, la conosce meglio di me (ride, ndr). Oggi ho imparato io tante cose da lui”, ha detto Sinner uscendo dall’incontro con il capo dello Stato che vi abbiamo riportato in tempo reale. “Ha una semplicità e umiltà incredibili. Personalmente ha usato parole molto belle e semplici. E’ quello che mi piace”, ha tenuto ad aggiungere il campione 2024 degli Australian Open.

Fonte: Getty Images

Sinner abbraccia Matteo Berrettini, all’esterno del Quirinale

Tre giorni a Roma intensi, il no a Sanremo e Berrettini

Jannik nella sua tre giorni romana ha realizzato tanto: la conoscenza della premier Giorgia Meloni, il servizio al Colosseo, la celebrazione della squadra e della Coppa Davis al Quirinale e il no a Sanremo. Un invito declinato, a differenza di quanto accaduto a Matteo Berrettini (l’amico ritrovato che gli ha riservato un pensiero e un abbraccio speciali) e ad altri sportivi che hanno reso ancora più popolare o almeno prossimo al pubblico del Festival il loro sport.

In conferenza stampa, dopo le dichiarazioni del presidente Fitp Angelo Binaghi, Sinner ha esplicitato il suo no e lo ha motivato, ragionato a Sanremo, almeno adesso e per questa edizione.

Dopo questa intensa maratona romana, con tanto di passaggio alla Taverna Trilussa a Trastevere e l’assaggio di quattro primi, Jannik non andrà a Sesto, che ha rinviato a data da confermare i festeggiamenti con i suoi compaesani nel rispetto del grave lutto cittadino che la sua comunità sta vivendo ad oggi e che avverte, egli stesso, come terribile, profondamente ingiusto e che intende rispettare in prima persona.

I prossimi tornei a cui partecipa Sinner

Poi tornerà ad allenarsi, a giocare: la cancellazione dal torneo di Marsiglia è stato un passo, un segnale che poteva essere anche interpretato in una certa direzione ma che ha avuto un epilogo differente. Il prossimo appuntamento, per Sinner, è sul campo dell’ATP 500 di Rotterdam, che prenderà il via il 12 febbraio poi Sinner risulta ad oggi iscritto ad Indian Wells, Miami, Monte Carlo, Barcellona, Madrid.

Confermata anche la sua partecipazione agli Internazionali d’Italia a Roma, e, ovviamente, l’appuntamento con il torneo per definizione sulla terra rossa, quel Roland Garros a cui guardiamo con una speranza in più grazie alla finale degli Australian Open.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Udinese - Roma
Inter - Cagliari

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...