,,
Virgilio Sport SPORT

Spagna, nuove minacce a Morata: le accuse della moglie

Dopo il rigore sbagliato contro l'Italia l'attaccante della Juventus e della Roja torna nel mirino degli haters come successo dopo la gara contro la Polonia: insulti e minacce a tutta la famiglia. Alice Campello si ribella su Instagram: "Si prendano provvedimenti".

07-07-2021 11:12

Da potenziale eroe nazionale a “traditore”.

Alvaro Morata ha vissuto Euro 2020 all’insegna di una vera e propria altalena.

Il centravanti della Juventus è stato protagonista nel bene e nel male dell’avventura della Spagna, fermatasi in semifinale contro l’Italia proprio a causa del rigore sbagliato dal numero 7, che però in partita, pur partendo dalla panchina, aveva realizzato la rete del pareggio fissando l’1-1 dopo il gol del compagno di club Federico Chiesa.

Il tutto dopo essere risultato decisivo con un gol d’antologia nei tempi supplementari dell’ottavo di finale contro la Croazia, vinto 5-3 dalla Spagna dopo la rocambolesca rimonta da 1-3 a 3-3 dei vice campioni del mondo nei minuti finali dei tempi regolamentari.

Il ct Luis Enrique ha rivelato che contro gli Azzurri Morata ha calciato il rigore da infortunato, ma questo retroscena non è bastato per mettere a tacere i soliti haters.

La moglie di Morata, Alice Campello, ha infatti denunciato nuove gravi minacce arrivate via social nei confronti del marito e di tutta la famiglia, amara ripetizione di quanto era accaduto dopo la deludente gara contro la Polonia nella fase a gironi, finita 1-1 e scandita da qualche gol sbagliato di troppo da Morata.

In quell’occasione era stato lo stesso giocatore a denunciare le minacce, ora all’attacco è andata direttamente l’influencer veneziana, che sulle proprie stories di Instagram ha rivelato il contenuto dei messaggi ricevuti, contenenti frasi offensive, auguri di morte e di malattie terminali per Alvaro e i figli e minacce di varia natura, arrivate però non dai tifosi spagnoli per il rigore sbagliato, bensì dagli italiani per il gol realizzato durante i tempi regolamentari.

“In verità non sto soffrendo per nessuno di questi messaggi – ha scritto Campello – Non penso nemmeno sia un fattore di ‘Italiani’, ma di ignoranza. Ma se fosse successo ad una ragazza più fragile sarebbe stato un problema”.

“Bisogna ricordarsi”, prosegue Alice, che “il calcio è uno sport e che non serve per sfogare le proprie frustrazioni”.

“Auspico – ha concluso –  che vengano presi provvedimenti seri per questo tipo di persone perché [quanto accaduto] è vergognoso e inaccettabile”.

OMNISPORT

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...