Virgilio Sport

Supercoppa, Inter: Inzaghi accende il derby, sfogo su Lukaku e frecciata a Sacchi

Nella conferenza stampa pregara della Supercoppa Italiana tra Milan e Inter, Inzaghi parla dell'importanza di Riyadh, di Lukaku e replica a Sacchi

17-01-2023 10:03

Luca Fusco

Luca Fusco

Giornalista

Giornalista multimediale. Quando si accendono i motori, lui sgasa, impenna, derapa. E spesso e volentieri finisce sul podio

Un derby che vale la Supercoppa Italiana. Milan e Inter si ritrovano di fronte all’inizio dell’anno. Non ci sono tre punti in palio bensì il primo trofeo della stagione che i nerazzurri hanno già vinto lo scorso anno contro la Juve. Per Simone Inzaghi un importante banco di prova dopo il passaggio del turno in coppa e il successo sul Verona. Alla vigilia sono tanti i temi da affrontare, dalla disponibilità di Lukaku, alle parole di Sacchi sul gioco dei nerazzurri fino allo scontro con Pioli.

Supercoppa, Milan-Inter: Inzaghi vuole vincere

Il tecnico dell’Inter Simone Inzaghi è determinato nella conferenza alla vigilia del derby di Supercoppa: “Sappiamo l’importanza della partita per di più un derby cosa successa solo due volte nella storia, cercheremo di fare una grande gara in una partita importante, il primo traguardo della stagione. Non tutti hanno questa possibilità, è un obiettivo che ci siamo guadagnati, siamo campioni in carica e vogliamo difendere il titolo”

Supercoppa, qui Inter: Inzaghi e i ko col Milan

L’Inter arriva a questo derby di Supercoppa Italiana dopo il ko dello scorso anno, nel girone di ritorno, con tanto di rimonta nel finale di gara che ha aperto ad un’altra rimonta, quella scudetto del Milan di Pioli proprio in volata sui nerazzurri, superiorità ribadita nel derby del girone d’andata di questa stagione. Inzaghi non è preoccupato: “Derby ne abbiamo vinti, anche in coppa lo scorso anno, e persi, quello di quest’anno forse non meritavamo di perderlo. Il Milan è una squadra forte, con grandi attaccanti. Dobbiamo giocare di squadra, quando si sbaglia non è mai il singolo reparto, specie in partite importanti come queste”.

Inzaghi su Lukaku, tra speranza e cruccio

Lukaku è l’interrogativo principale alla vigilia di Milan-Inter di Supercoppa. Inzaghi non si sbilancia ma allo stesso fa capire che vedere Big Rom in campo sarà difficile: “Lukaku ieri si è allenato in parte col gruppo, la mia e nostra speranza è che possa lavorare senza avvertire dolore cosa che non è successo la scorsa settimana, vedremo nell’immediato pregara. Se non dovesse farcela lo avremo con l’Empoli, ma la speranza di base è averlo prima o poi perchè il cruccio è di non averlo mai avuto”.

Sulla formazione il tecnico nerazzurro resta abbottonato, unico dubbio però pare in fascia tra Darmian e Dumfries: “Sulla formazione mi porto dietro qualche dubbio che cercherò di sciogliere prima della partita. Darmian sta facendo bene, Dumfries sta crescendo nonostante un problemino ereditato dal Mondiale”.

Inter, Inzaghi tira una frecciata a Sacchi

Come successo per Stefano Pioli nella conferenza pregara del Milan, anche a Simone Inzaghi vengono riportate le parole di Arrigo Sacchi sul gioco dei nerazzurri. L’ex tecnico della Lazio abbozza un sorriso poi è serafico: “Sacchi? Ognuno è libero di esprimere il suo pensiero, poi sempre ognuno è libero di capire quando e chi ascoltare”

Sulla condizione della sua Inter, la chiosa: “Per come abbiamo cominciato questo 2023 sono soddisfatto, abbiam vinto 3 gare e pareggiata una, tolto Monza sarebbe stato percorso netto. Al di là di qualche infortunio ed errore la squadra ha fatto sempre buone gare nonostante le scelte limitate a centrocampo e in attacco ma qui ci giochiamo una finale, le assenze non contano”

Supercoppa Milan-Inter, parla Mkhitaryan

Al fianco di Inzaghi in conferenza pregara c’era Henrikh Mkhitaryan uno dei giocatori più in forma dei nerazzurri che vanta un record particolare, ha vinto la Supercoppa in 4 paesi diversi, Armenia, Ucraina, Germania e Inghilterra: “Spero di vincerla anche qui con l’Inter. E’ la prima finale che gioco con l’Inter ma mi auguro di giocarne altre con questa maglia. Dobbiamo fare una gara simile al Barcellona, quando lo abbiamo incontrato in campionato non eravamo al meglio. Gioco spesso? Il mister non fa sconti a nessuno, se gioco vuol dire che sto bene e sto facendo bene. Il fuorigioco semiautomatico? Noi pensiamo solo a giocare…”

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Torino - Lazio

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...