Virgilio Sport

Fiorentina-West Ham, moviola: Gol annullato, rigore e il caso-Biraghi

La prova dell'arbitro Del Cerro Grande in finale di Conference League giudicata da Luca Marelli

08-06-2023 09:00

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua lunga carriera ha vissuto da inviato importanti eventi come i Giochi Olimpici, i Giochi del Mediterraneo e gli Europei di Calcio. Ha collaborato con importanti agenzie di stampa e quotidiani nazionali. Se fosse un calciatore, sarebbe sicuramente l’uomo d’ordine (e il capitano in pectore). Per Virgilio Sport cura specialmente la sezione dedicata al Calcio

Era probabilmente all’ultimo match da abitro internazionale Del Cerro Grande, l’arbitro spagnolo designato da Rosetti per la finale di Conference League tra Fiorentina e West Ham: a fine anno il 47enne fischietto iberico dovrebbe lasciare, come il connazionale Mateu Lahoz. Quest’anno Del Cerro Grande aveva già diretto 36 partite, di cui 4 in Champions, compreso il quarto di finale fra Inter e Benfica. Una curiosità: a Praga uno dei due assistenti è stata una donna, Guadalupe Porras Ayuso ma come se l’è cavata ieri a Praga Del Cerro Grande nel burrascoso successo per 2-1 del West Ham sui viola?

Fiorentina-West Ham, le caratteristiche di Del Cerro Grande

Come sua peculiarità l’arbitro spagnolo è sempre solito appoggiarsi molto al suo VAR. A Praga a ricoprire questo ruolo non c’era il “fedelissimo” Hernandez Hernandez, ma un altro arbitro di esperienza come Munuera Montero.

Fiorentina-West Ham, Del Cerro Grande ha ammonito sei giocatori

Assistito dai connazionali Cebrián Devis e  Porras Ayuso, con Gil Manzano IV uomo, al Var Martínez Munuera e all’ AVAR Hernández Hernández, l’arbitro spagnolo ha ammonito sei giocatori, di cui 4 della squadra di Italiano: Benrahma (W), Aguerd (W), Mandragora (F), Duncan (F), Milenkovic (F), Amrabat (F). Recupero 4′, 5′.

Fiorentina-West Ham, i casi da moviola

Questi i principali casi dubbi. Al 30’ il capitano viola Cristiano Biraghi  viene colpito alla testa e ferito da una sigaretta elettronica lanciata in campo dal settore dello stadio occupato dai tifosi degli Hammers. In pieno recupero del primo tempo Jovic ribadisce in rete dopo il palo colpito da Kouamé, ma l’attaccante serbo parte da posizione di fuorigioco. Check del VAR, che conferma: la rete non è valida.

Al 59′ rigore per il West Ham: Biraghi colpisce con la mano nel tentativo di negare un controllo a Bowen, l’arbitro del Cerro Grande non si accorge del tocco ma viene richiamato dal VAR e, dopo un lungo on field review, concede il penalty agli inglesi. Al 66′  la Fiorentina invoca rigore per un presunto mani di Kehrer sulla conclusione di Cabral, ma il pallone colpisce il petto del difensore. Proteste accese di Mandragora: ammonito.

Fiorentina-West Ham, per Marelli c’era il rigore per gli inglesi

A fare chiarezza è Luca Marelli. L’esperto di Dazn parte dall’episodio di Biraghi e dice: “Sono gesti inqualificabili, fino a 25-30 anni ci sarebbe stata l’ipotesi di una vittoria a tavolino. Poi negli anni le regole sono cambiate. La UEFA  punirà duramente il West Ham, con una multa e forse anche con una squalifica del campo per le prossime gare europee. Detto ciò, va detto che è abbastanza discutibile la scelte di vendere alcolici all’interno dello stadio e bicchieri che già nel pre-partita davano l’impressione di poter essere pericolosi”.

Nessun dubbio sul rigore per il mani di Biraghi: “Purtroppo è un gesto istintivo, ma il rigore c’è. Il tocco di mano è punibile, una decisione corretta dell’arbitro che ha diretto veramente molto bene”.

Tags:

Leggi anche:

Fatture in Cloud

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto

Caricamento contenuti...