Virgilio Sport

Juventus, svolta tattica con Kostic: come cambia il mercato

L'esterno serbo può diventare un punto fermo per Allegri grazie alla propria duttilità: già contro il Sassuolo possibile il passaggio alla difesa a tre

Pubblicato:

La Juventus sarà l’ultima delle grandi a debuttare in campionato, scendendo in campo nella serata di Ferragosto all’Allianz Stadium contro il Sassuolo, pochi minuti dopo la fine della gara del Napoli a Verona, 24 ore più tardi rispetto al debutto della Roma a Salerno e 48 ore dopo quelli di Milan e Inter, opposte rispettivamente a Udinese e Lecce. Non è però solo l’aspetto temporale a fare della squadra di Allegri la formazione che suscita più curiosità prima del via della stagione.

Kostic cambia la Juventus: tutte le possibili soluzioni tattiche

Rispetto alle milanesi e alla Roma, infatti, pronte ad approcciare il campionato con una fisionomia tattica ben nota e riconoscibile, la Juventus sembra poter dar vita a un’inattesa rivoluzione tattica, con tutti i dubbi del caso legati ad un cambio di modulo dopo che durante le poche amichevoli estive disputate Allegri aveva sempre puntato sul 4-3-3. “Merito” dell’arrivo di Filip Kostic, che ha tutte le caratteristiche per diventare uno dei giocatori preferiti dal tecnico livornese grazie alla propria duttilità, che permetterà al serbo di poter cambiare più ruoli anche all’interno della stessa partita e alla Juve di modificare il proprio assetto tattico a seconda dell’atteggiamento degli avversari o del punteggio, da sempre uno dei marchi di fabbrica dell’allenatore livornese.

Juventus, con Kostic Allegri pensa alla difesa a tre

Per questo già contro il Sassuolo si potrebbe vedere una Juventus schierata con il 3-5-2, dopo un’estate trascorsa a provare il 4-3-3, peraltro spurio in assenza di un sostituto di ruolo di Federico Chiesa in grado di fare da contraltare a sinistra a Angel Di Maria. Kostic potrebbe svolgere proprio questo ruolo, ma le indicazioni poco confortanti emerse dalla difesa durante la partita contro l’Atletico Madrid potrebbero spingere Allegri verso la prudenza, perché è vero che partire bene quest’anno sarà fondamentale, ma per vincere le partite conta l’equilibrio nelle due fasi e non il numero degli attaccanti in campo. Per questo, considerando le incognite di una retroguardia che ha perso Chiellini e De Ligt e innestato Gleison Bremer, da verificare ad alti livelli al pari di Federico Gatti, l’assetto a tre sembra essere quello più indicato, anche perché ben conosciuto dallo stesso Bremer al Torino oltre che da Bonucci.

Mercato Juventus, può arrivare un altro difensore

Ecco perché la curiosità per la prima Juventus della stagione, più che sugli uomini e sulla formazione che manderà in campo Allegri, sarà rivolta allo schieramento tattico. In rosa infatti i centrali sono al momento solo quattro, compreso Daniele Rugani che è però sul piede di partenza, quindi l’ipotesi sarebbe quella di adattare Danilo come centrale di destra. Tutto questo potrebbe poi comportare novità importanti anche a livello di programmazione di mercato. Se infatti gli obiettivi dichiarati per le ultime settimane di trattative sono un costruttore di gioco come Leandro Paredes e un vice Vlahovic, l’eventuale passaggio alla difesa a tre potrebbe portare la società a puntare su un altro centrale oppure sulla conferma di Rugani, ma lo spostamento di Danilo tra i centrali scoprirebbe una casella alla voce esterni, che ha già perso Luca Pellegrini in partenza proprio verso l’Eintracht Francoforte.

Clicca qui per abbonarti e vedere tutte le gare di Serie A live su DAZN

Tags:

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...