Virgilio Sport

Milan, perché Pioli pensa anche a Mirante al posto di Tatarusanu: il retroscena

Il tecnico rossonero ha ipotizzato un turnover anche tra i pali dopo l'infortunio di Maignan che tornerà solo nel 2023

Pubblicato:

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

In Francia si sono spaventati quando hanno sentito Stefano Pioli parlare di Mike Maignan: “non lo avremo ALMENO fino a gennaio”. Un avverbio che ha fatto drizzare le antenne ai tifosi transalpini, perché significa che il portiere potrebbe saltare anche il Mondiale. Più grave del previsto il problema di SuperMike, difficile che possa tornare a disposizione per le tre gare del girone in Qatar che si disputeranno sul finire di Novembre: potrebbe decidere di partire per essere di nuovo in forma dagli ottavi in poi, se la Francia dovesse andare avanti. Se questo è un problema per la Francia, quello di Pioli è però sostituirlo almeno fino alla sosta.

Milan, Pioli parla di turnover anche per Tatarusanu

Finora tra i pali ha giocato sempre Tatarusanu al posto di Maignan e il portiere rumeno non ha sempre convinto, anzi. E che non goda della fiducia piena di Pioli lo dimostrerebbero proprio le parole dette ieri dal tecnico rossonero che lo ha elogiato da una parte (” È un giocatore esperto, maturo e rispettato e darà il suo apporto”) ma ha anche aggiunto: ” Non è scontato che non riposi anche lui, 7 partite in 22 giorni sono tante anche per un portiere”.

Milan, Mirante non gioca dal maggio 2021

Un’idea condivisa da pochi (caso-Inter a parte col ballottaggio Onana-Handanovic) quella del turnover a porta. Tatarusanu entra quindi in rotazione con Antonio Mirante. Il 39enne ex Juve non vede il campo dal 6 maggio 2021, quando giocò in Europa League tra i pali della Roma nella semifinale di ritorno contro il Manchester United. Mirante vanta in carriera anche due gettoni in Champions, sempre con la Roma, nel 2018-’19 contro Viktoria Plzen e Porto.

Milan, Tatarusanu non era in lista Champions, Mirante sì

Taratarusanu inizialmente non era in lista Champions, dove invece compariva Mirante, unico altro portiere in elenco oltre a Maignan. Il regolamento Uefa permette però di mettere mano alla lista in caso di infortuni dei portieri, pertanto in casa Milan si è deciso di escludere temporaneamente Maignan per inserire Tatarusanu, per poi effettuare un altro “switch” quando il francese sarà tornato a disposizione. A prescindere da questa considerazione però non è impossibile vedere Mirante anche in campionato.

Milan, i tifosi non si fidano di Tatarusanu

Sul web i tifosi rossoneri sono preoccupati e non si fidano di Tatarusanu: “Tatarusanu è impresentabile e chi afferma il contrario è in malafede”, oppure: “Vi va ancora di considerare la gestione del dodicesimo un qualcosa di cui non tenere conto? Tatarusanu può fare benissimo il terzo. Oggi però hai bisogno di un secondo affidabile che non hai” e ancora: “Non è questione di non essere Maignan: Tatarusanu non è proprio presentabile. E su questo bisogna essere intellettualmente onesti” e infine: “Tatarusanu non è il top, ma la shitstorm a livello umano che gli sta piovendo non ci sta, a livello umano prima ancora che tecnico. Si può discutere a livello di performance, ma la persona va lasciata in pace. E tutti uniti verso la vittoria”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Udinese - Roma
Inter - Cagliari

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...