Virgilio Sport

Pagelle Frosinone-Milan 2-3: Leao croce e delizia, Soulé illuminante, Giroud imponente ma decide Jovic

I rossoneri conquistano la vittoria in rimonta al termine di un match ricco di colpi di scena. Jovic eroe, Seck è ovunque: i migliori e i peggiori della sfida

Pubblicato:

Antonio Salomone

Antonio Salomone

Giornalista

Giornalista pubblicista. Lo affascinano, da sempre, le categorie minori e i talenti in erba. Ha fiuto per la notizia e per gli emergenti. Calcio, basket, motori: ci pensa lui

Il Milan soffre, ma festeggia al termine di un match ricco di storie. Il Frosinone sferra pugni come in un incontro di boxe, i rossoneri incassano e si rialzano sempre, fino al colpo del ko di Jovic a dieci dalla fine. Quarto risultato utile di fila per la squadra di Pioli, che ritrova un po’ il sorriso dopo il pareggio beffa contro il Bologna. I gialloblu escono sconfitti, ma con tutte note positive che possono rasserenare Di Francesco.

Frosinone-Milan, il racconto del match

La noia non è certo una parola che fa parte del vocabolario delle due squadre. Pronti-via e subito un’occasione per il Frosinone, che sfrutta un’indecisione tra Maignan e Adli e con Soulé mette paura ai rossoneri. Dopo vari strappi da una parte all’altra del campo a passare in vantaggio è il Milan con Giroud, bravo a schiacciare di testa su assist di Leao. I gialloblù non si arrendono e rispondono subito con una bella combinazione sulla sinistra tra Harroui e Brescianini e con un tiro dalla distanza di Seck, respinto dal portiere di Pioli.

Al 23′ Leao con il braccio troppo largo devia un cross di Gelli: per l’arbitro nessun dubbio, calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Soulé che non sbaglia e va così in doppia cifra in Serie A. Nel secondo tempo il copione non cambia e la squadra di Di Francesco continua a spingere. Al 66′ i padroni di casa battono una punizione veloce, Soulé pesca Mazzitelli e il centrocampista fa centro beffando Maignan, colpevole. Gli ospiti non si arrendono e dagli sviluppi di un corner trovano il pari con Gabbia: prima rete in Serie A per il difensore. A completare la rimonta ci pensa il solito Jovic, che appena messo in campo ricambia con il gol da vero rapinatore d’area.

Tutte le emozioni di Frosinone-Milan minuto per minuto

Milan, cosa ha funzionato

“Sinistra croce e delizia”, possiamo sintetizzare così la fascia dominata da Leao. Il portoghese ha spesso saltato l’uomo e creato superiorità numerica e ha anche trovato l’assist per Giroud. In fase difensiva però il numero 10 non ha avuto lo stesso impatto e ha causato il rigore, trasformato poi in rete da Soulé. Le sostituzioni hanno cambiato le ultime scene del film della partita.

Milan, cosa non ha funzionato

L’intensità e la velocità di gioco del Frosinone ha messo in difficoltà il Milan, soprattutto grazie alla posizione ibrida di Seck tra il centrocampo e la fascia. Soulé tra le linee ha spesso beffato alle spalle la mediana rossonera, che ha avuto molte difficoltà nel leggere le giocate. La costruzione dal basso è stata più imprecisa del solito a causa del forte pressing degli attaccanti e delle mezz’ali gialloblù.

Le pagelle del Milan

  • Maignan 5: Perde il mantello da supereroe e sbaglia sul gol del vantaggio di Mazzitelli. Poco preciso e disattento, ha vissuto serate migliori.
  • Calabria 5: Termina la partita con poco fiato. Il motivo? Le corse di Soulé, Seck e Gelli. Non riesce a tenere il loro ritmo e in fase offensiva non dà molti spunti.
  • Kjaer 5.5: Quando si alza il ritmo, il suo motore va fuori giri. Tiene bene Kaio Jorge in area, ma non riesce a vincere i duelli in aggressione e anticipo.
  • Gabbia 6.5: Fa la cosa migliore da quando veste la maglia rossonera: gol. Ed è il suo primo in Serie A
  • Theo Hernandez 5.5: Il treno francese fa sciopero e non riesce ad incidere come al solito. Soulé e Seck lo costringono a preoccuparsi più della fase difensiva che di quella offensiva.
  • Adli 5.5: Perde la bussola e non riesce ad orientarsi in campo. Non legge gli inserimenti dei centrocampisti e si limita al compitino.
  • Reijnders 5.5: Non riesce ad attivare il tasto on e conduce spesso a testa bassa. I compagni di squadra lo aiutano poco e non gli si accende la lampadina.
  • Pulisic 5.5: Per novanta minuti si dimentica come si salta l’uomo e contro Brescianini vive un incubo.
  • Loftus-Cheek 5: Se non fosse per il nome sulla maglia sarebbe irriconoscibile, mai nel vivo del gioco e spesso fuori fase.
  • Leao 6.5: La sua partita vive di momenti, ma quando sgasa è imprendibile. Crea sempre pericoli sulla sinistra e regala a Giroud la palla
  • Giroud 7: Nel vocabolario del Milan vicino la parola necessità come sinonimo compare lui. Domina in area, segna e regala a Gabbia il pallone del pari.
  • Bennacer 6: Entra e mette subito in ordine il caos, con serenità.
  • Okafor 6: Non si prende grandi responsabilità, ma aiuta la squadra nel momento del bisogno.
  • Jovic 7: Ormai è una tradizione, Pioli lo manda in campo e lui fa gol. Una scena che si ripete all’infinito, un loop quasi sempre vincente.
  • Florenzi SV
  • Musah SV

Top e Flop del Frosinone

  • Soulé 7: L’argentino è un sano portatore di magia, ma anche di allegria. Con lui in campo, il pallone sorride. Dal dischetto è freddo e va in doppia cifra.
  • Seck 7: Sembra ci sia un altro Soulé in campo. Dribbla, illumina, strappa in continuazione e fa da pendolo tra il centrocampo e l’attacco. Forse a Torino si stanno mangiando le mani.
  • Mazzitelli 7: Corre, difende, si inserisce e fa anche gol. Partita pefetta.
  • Brescianini 6.5: Da ex del match ha sentito molto la sfida e ha deciso di far vivere una brutta serata a Pulisic.
  • Romagnoli 5.5: E’ un gigante, ma nel duello aereo con Giroud perde magicamente qualche centimetro.

Frosinone-Milan 2-3, il tabellino

Reti: Giroud 17′, Soulé (rig) 24′, Mazzitelli 66′, Gabbia 72′, Jovic 81′

FROSINONE (4-2-3-1): Turati; Gelli, Okoli, Romagnoli, Brescianini (Reinier 86′); Barrenechea, Mazzitelli (Ibrahimovic 85′); Seck (Valeri 77′), Soulé, Harroui (Lirola 76′); Kaio Jorge (Cheddira 76′). All. Di Francesco. A disp. Frattali, Cerofolini, Garritano, Kvernadze, Bourabia, Monterisi

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria (Florenzi 86′), Kjaer, Gabbia, Theo Hernandez; Adli, Reijnders (Bennacer 62′); Pulisic (Jovic), Loftus-Cheek (Okafor 62′), Leao; Giroud (Musah 86′). All. Pioli. A disp. Sportiello, Nava, Terracciano, Jimenez, Simic, Bartesaghi

Arbitro: Pairetto di Nichelino

Ammonizioni: Loftus-Cheek, Seck, Reijnders, Harroui, Florenzi

La classifica completa della serie A

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...