Virgilio Sport

Napoli-Eintracht 3-0 pagelle: Victor Osimmenso. Di Lorenzo (8,5) stella polare. Zielinski (8) e Politano (8) di un altro pianeta

Il Napoli asfalta l'Eintracht ed entra nella storia prendendosi i quarti di finale di Champions League per la prima volta con un netto 3-0. Osimhen non sbaglia, prova mostruosa per Di Lorenzo, Politano e Zielinski

15-03-2023 23:03

Lorenzo Marsili

Lorenzo Marsili

Sport Specialist

Giornalista pubblicista, redattore, divulgatore. E' una delle anime video del sito: racconta in immagini un evento e lo fa come pochi altri

Tutto facile per il Napoli, che detta legge anche in Europa ed entra nella leggenda conquistando l’accesso ai quarti di Champions League per la prima volta nella sua storia. Dopo il 2-0 dell’andata in terra tedesca, gli azzurri annichiliscono l’Eintracht di Francoforte nel ritorno degli ottavi con un netto 3-0 firmato dalla doppietta di Osimhen e dal rigore di Zielinski. Prova da capogiro per il polacco, così come per Di Lorenzo e Politano. Tra i tedeschi si salvano solo Trapp e Kamada.

Napoli-Eintracht Francoforte, gli highlights del match

Il Napoli dimostra ancora una volta la propria maturità giocando l’ennesima gara perfetta della sua stagione e prendendosi un posto nella storia. Contro un Eintracht chiamato a recuperare il doppio svantaggio dell’andata, gli azzurri di Luciano Spalletti non si snaturano e sovrastano su tutta la linea i tedeschi. Nel primo tempo si contano almeno tre ottime occasioni per i partenopei, che trovano il vantaggio a un passo dal riposo con il solito Osimhen.

Nella ripresa, il copione non cambia e, dopo meno di 10′ l’uragano Osimhen si abbatte ancora sulla difesa dell’Eintracht al termine di un’azione avvolgente finalizzata dal nigeriano sul cross di uno scatenato Di Lorenzo. Una manciata di minuti e il Napoli chiude definitivamente il conto con il rigore guadagnato e trasformato da Zielinski.

Napoli-Eintracht Francoforte, le pagelle degli azzurri

  • Meret 6,5: Sollecitato praticamente in una sola occasione, nel primo tempo, è attentissimo in uscita su Gotze sul passaggio al bacio di Kamada
  • Di Lorenzo 8,5: Fiato e corsa praticamente infiniti per il capitano azzurro che, gara dopo gara, continua a stupire aggiungendo qualità e personalità da vendere
  • Rrahmani 6,5: Altra prestazione convincente. Dalla sue parti arrivano davvero pochi pericoli, ma è sempre attento e preciso
  • Kim 6,5: Nel primo tempo si lascia sorprendere dal taglio geniale di Kamada, ma è l’unico neo di una serata senza ulteriori brividi (65′ Juan Jesus)
  • Mario Rui 7: La sua importanza nello scacchiere azzurro è evidente. Offre il sostegno perfetto a Kvara e si mette al servizio della squadra con costanza e importante personalità
  • Anguissa 6,5: Perno imprescindibile per l’equilibrio di una squadra che si carica sulle spalle con abnegazione e qualità
  • Lobotka 7,5: Sul gol di Osimhen c’è la sua firma indelebile. È, infatti, dal suo esterno da illusionista per Politano che nasce tutto. Per il resto, è sufficiente dire che fa il… Lobotka, chiaro no? Il miglior premio dopo il rinnovo
  • Zielinski 8: Prestazione mostruosa del polacco che, oltre a procurarsi e trasformare il penalty del 3-0 superando uno specialista come Trapp, si fa trovare in ogni zona del campo prendendo sempre la decisione migliore (73′ Ndombele)
  • Politano 8: Un assist al bacio per Osimhen e una prova concreta, ricca di giocare importanti, come il filtrante che porta Di Lorenzo a servire il passaggio del 2-0. Sulla sua fascia fa il bello e il cattivo tempo, prendendo sempre la scelta giusta (65′ Lozano)
  • Osimhen 7,5: Killer perfetto a capo di un’orchestra che suona una melodia armoniosa e spettacolare senza soluzione di continuità. Stacca alla perfezione sfruttando la libertà gentilmente concessa dalla retroguardia ospite per aprire le danze, poi, raddoppia fotocopiando la rete dell’andata (80′ Simeone)
  • Kvaratskhelia 7: Le sue folate non fanno più notizia. Trasforma ogni palla in un’occasione pericolosa per la retroguardia tedesca, avviando anche l’azione del raddoppio con un cambio di gioco perfetto su Politano (73′ Elmas)

Rivivi tutte le emozioni della gara del Maradona

Napoli-Eintracht Francoforte, le pagelle dei tedeschi

  • Trapp 6,5: Tra i punti forti del club tedesco, il portierone sfodera una prova convincente e ricca di interventi importanti. Non può nulla sul gol di Osimhen
  • Tuta 4,5: Dopo un avvio positivo, macchia la propria gara facendosi trovare completamente fuori posizione in occasione delle reti di Osimhen
  • Ndicka 5,5: In una difesa non esattamente impenetrabile, spicca per posizionamento, scelte e decisione negli interventi, poi crolla con tutto il castello
  • Lenz 5: Ci capisce poco, facendosi puntualmente superare da un Politano indiavolato (65′ Max)
  • Buta 5: Serata da dimenticare, senza verve, senza idee e senza spinta. Kvara ha le sue colpe…
  • Rode 5,5: Prova a prendere in mano i compagni, ma da un suo controllo errato parte l’azione che porta alla rete che apre i giochi, poi sparisce definitivamente dai radar (73′ Janic)
  • Sow 4,5: Serata da dimenticare per lo svizzero, che taglia definitivamente le gambe ai suoi abbattendo Zielinski in area per il rigore che porta il 3-0
  • Knauff 5: Prova incolore, senza spunti e senza cattiveria (61′ Alidou)
  • Gotze 5: Poco reattivo sul filtrate visionario di Kamada, si lascia anticipare miseramente da Meret e getta alle ortiche la migliore occasione del primo tempo. Nella ripresa si dà letteralmente alla macchia
  • Kamada 6: Il giapponese è il senza dubbio il migliore dei suoi, disegna calcio ed è sempre nel vivo dell’azione. Serve un assist delizioso cogliendo impreparata la retroguardia azzurra nel primo tempo, ma Gotze ci crede poco e Meret ringrazia
  • Borré 4,5: Parte titolare, ma probabilmente non se ne accorge nemmeno lui. Prova a combattere su qualche pallone sporco, ma praticamente mai senza brillantezza

La pagella dell’arbitro

Antony Taylor, il fischietto inglese dirige il match del Maradona senza sbavature e con una decisione che sembra rendere tutto più semplice di quel che realmente sarebbe. Perfetto in praticamente ogni frangente, compreso il rigore assegnato in tempo zero grazie all’ottimo posizionamento. Voto: 7.

I prossimi impegni degli azzurri

Consegnato agli annali il match contro l’Eintracht di Francoforte, prima della sosta il Napoli è chiamato alla trasferta di Torino contro i granata di Ivan Juric. Al rientro, il 2 aprile sarà la volta del big match casalingo contro il Milan. A seguire, ci saranno il lunch match con il Lecce al Via del Mare e la sfida con il Verona al Maradona. Per chiudere poi, il 23 e 30 aprile, all’Allianz Stadium con la Juventus, e il derby, in casa, contro la Salernitana.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Lazio - Milan

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...