Virgilio Sport

Top e Flop 18ª giornata: buoni e cattivi, le pagelle di serie A

I migliori e i peggiori della 18sima giornata di campionato: Milan in affanno, Abraham domina

Pubblicato:

L’Inter campione d’inverno con una giornata d’anticipo, il Milan sconfitto e arrabbiato con l’arbitro, idem l’Atalanta con la Roma, il Napoli che si rialza, la riscossa della Juventus. A fare la differenza, nel bene e nel male, ci sono sempre i nostri “top e flop” di questo 17° turno di serie A con un pizzico di cattiveria e di ironia che non guasta mai. Vediamo chi sono.

Miglior portiere: Rui Patricio stoppa la Dea

La Roma che risorge appieno a Bergamo fermando, per ora, i sogni scudetto dell’Atalanta si affida anche alle mani di Rui Patricio decisivo in almeno un paio di parate su Zapata e compagni. Ancora una volta notevole l’apporto del portierone portoghese alla causa di Mourinho. Non da meno le parate, una in particolare su Ibra, si Ospina che mantiene la porta inviolata a San Siro al netto del gol annullato a Kessie. Handanovic che non prende gol oramai non fa più notizia anche perchè la Salernitana nemmeno ci arriva al tiro, idem Szczesny mentre qualche paratona la fa Consigli ma non può nulla contro Vlahovic e la Fiorentina.

Miglior difensore: Smalling concede il bis!

Per la seconda settimana di fila si prende la scena con una prestazione monumentale francobollando e limitando Zapata e poi andando ancora in gol, stiamo parlando di Smalling oramai senza più la ruggine delle tante assenze causa infortunio, a sfoggiare un’altra prestazione degna del suo curriculum. Ha preso in mano la difesa della Juve anche De Ligt, solo due gol subiti negli ultimi due mesi dalla retroguardia bianconera sono un buon indice di risalita e questo grazie alle prestazioni del difensore olandese.

Miglior centrocampista: Brozovic o Perisic pari son! Ma che Elmas!

Tanti centrocampisti in evidenza in questo penultimo turno dell’anno e del girone d’andata. Perisic continuo il suo magic moment al pari di Brozovic, colonne portanti dell’Inter campione d’inverno. Stesso discorso vale per Elmas che segna pure in campionato, un gol pesante come un macigno a margine di una prestazione di spessore come purw quella di Zielinski. E che dire dei vari Pobega, Frattesi con Zaniolo finalmente tornato sui suoi standard.

Miglior attaccante: Deulofeu brilla, Morata si conferma, Abraham domina

Pedro e Lautaro sono delle sicurezze per Lazio e Inter, mentre si conferma anche Morata dopo un periodo di appannamento al 3° gol in 4 gare a rianimare il suo morale e la classifica della Juve. E poi c’è il solito Vlahovic che timbra il cartellino, 33 gol nel 2021, come Ronaldo nel 2022: l’ultimo giocatore a fare meglio in un singolo anno solare in Serie A è stato Gunnar Nordahl nel 1950 (36).

Ma a rubargli la scena ci sono stati almeno altri due. Da una parte Deulofeu che illumina l’Udinese e condanna il Cagliari di Mazzarri all’ennsima debacle ma soprattutto quel Tammy Abraham che domina contro la difesa dell’Atalanta, segnando una doppietta e facendo segnare Zaniolo. Superlativo l’inglese.

Flop: Milan in affanno prenatalizio

Dietro la lavagna ci finisce di diritto il Milan, che perde, ancora, in quest’ultimo mese. Fuori dalla Champions, senza più la testa della classifica ed ora raggiunta dal Napoli e staccata dall’Inter. La banda di Pioli è in affanno. si vede anche dalla poca lucidità della fluidità del gioco e da alcuni interpreti, vedi Brahim Diaz, determinante in molte gare in avvio di stagione, ieri quasi nullo.

Nella Juve che vince c’è sempre la stessa nota stonata, Rabiot, fa il compitino ma non incide anzi continua a perdere palloni, a volte pericolosi e non riesce mai a fare la differenza che dovrebbe essere direttamente proporzionale al suo stipendio. Tra i flop di giornata, oltre a Mazzarri a picco col suo Cagliari, c’è Toloi “brutalizzato” da Abraham.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...