Virgilio Sport

Classifica senza errori arbitrali, 27ma giornata: due partite falsate

Weekend nero per i direttori di gara, quanti fischi sbagliati: sviste pure in altre tre partite del turno di campionato, ma non determinanti.

Pubblicato:

Per gli arbitri un weekend nero. Errori e sviste addirittura in cinque gare dell’ottava giornata di ritorno, due di queste condizionate dalle indecisioni dei fischietti e dei loro colleghi in sala Var. È pesante il bilancio di un turno di campionato capace di rivoluzionare la classifica in testa e in coda, ma segnato da tante, troppe incertezze. Del resto, la stagione entra nel vivo e ogni fischio, in un senso o nell’altro, può risultare decisivo.

Arbitri, falsati gli incontri di Milan e Juventus

Due le partite falsate, dunque. Quella di San Siro tra Milan e Udinese, segnata dalla concessione da parte dell’arbitro Marchetti del gol del definitivo 1-1, realizzato da Udogie che tocca il pallone col braccio. L’uomo Var Guida non interviene e non convince la spiegazione riportata dal Corriere della Serra: il tocco si intuisce, eccome. Sbaglia pure Maresca in Empoli-Juventus. I toscani reclamano due rigori (contatti Rabiot-Zurkowski nel primo tempo e De Ligt-La Mantia nella ripresa) e la sensazione è che almeno uno, il secondo, dovesse essere accordato.

Altre sviste arbitrali con Inter, Roma e Napoli

Altre sviste più o meno gravi in tre partite del turno di serie A. In Genoa-Inter Chiffi avrebbe dovuto espellere al 9′ della ripresa Perisic per una brutta entrata su Hefti: il risultato, tuttavia, probabilmente non sarebbe cambiato. In Spezia-Roma manca un secondo rosso ai liguri, per Agudelo al 20′ della ripresa: altro che scuse dall’arbitro Fabbri, come richiesto dal tecnico spezzino Motta. In Lazio-Napoli, infine, un grave errore per Di Bello: manca un rigore in favore del Napoli per tocco di mano in area di Luiz Felipe sugli sviluppi di un corner, sul punteggio di 0-1.

La classifica senza errori arbitrali

Ecco la classifica del campionato di serie A al netto degli errori determinanti dei fischietti:

1. Milan 60 punti
2. Napoli 59
3. Inter* 53
4. Atalanta* 50
5. Roma 48
6. Lazio, Juventus 43
8. Fiorentina* 42
9. Verona 40
10. Sassuolo 36
11. Torino* 35
12. Bologna* 34
13. Empoli 30
14. Sampdoria 26
15. Udinese** 24
16. Cagliari 23
17. Spezia 21
18. Genoa 20
19. Venezia* 17
20. Salernitana** 13

*1 partita in meno

E la classifica reale

Ecco invece la graduatoria reale del campionato (tra parentesi i punti in più e in meno dovuti a sviste o errori):

1. Milan (-3), Napoli (-2) 57 punti
3. Inter* (+2) 55
4. Juventus (+7) 50
5. Atalanta* (-3) 47
6. Roma (-4) 44
7. Lazio 43
8. Fiorentina* 42
9. Verona 40
10. Sassuolo 36
11. Torino* (-2) 33
12. Bologna* (-2) 32
13. Empoli (+1) 31
14. Sampdoria, Udinese** (+2), Spezia (+5) 26
17. Cagliari (+2) 25
18. Venezia* (+5) 22
19. Genoa (-3) 17
20. Salernitana** (+2) 15

*1 partita in meno

IL REGOLAMENTO

Questa classifica è stilata sulla base di quello che avviene in campo, in occasione di episodi decisivi e che possono determinare direttamente il risultato, come i gol convalidati o annullati, i rigori concessi o non concessi, un’espulsione esagerata o ingiusta a tanti minuti dalla conclusione del match. Non sono considerate le variabili non direttamente determinanti, come i cartellini gialli, i falli veri o presunti avvenuti nell’azione precedente a quella che ha portato a un gol, le rimesse laterali, i corner contestati, un’espulsione contestata in zona Cesarini, ecc. In caso di parità di punti tra due o più squadre, è premiata quella che ha subito più penalizzazioni nell’arco del campionato.

Albo d’oro campionato senza errori arbitrali Virgilio Sport

2019-20: Inter

2020-21: Inter

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...