Virgilio Sport

Van der Sar, condizioni preoccupanti dopo l'emorragia cerebrale: le ultimissime

L'ex portiere della Juventus, Edwin van der Sar, è ricoverato in terapia intensiva per emorragia cerebrale: l'aggiornamento dell'Ajax sulle sue condizioni e l'affetto dei fan.

Ultimo aggiornamento:

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Se mai ci fosse modo di traslare il glossario del calcio in una nicchia di esperti, lui ne farebbe parte. Non si perde una svista arbitrale né gli umori social del mondo delle curve

Il bollettino medico – in maniera diretta o indiretta (ovvero tramite i più stretti familiari e collaboratori) – tiene aggiornati sulle delicate condizioni di Edwin Van Der Sar. Dopo Stefano Tacconi, tifosi bianconeri – ma non solo: tutti gli appassionati di calcio – in ansia per le condizioni di un altro ex portiere della Juve: Van der Sar. L’ex guardiano dei pali della Vecchia Signora e della nazionale olandese, un passato remoto e prossimo nell’Ajax (si era dimesso da direttore generale dei Lancieri a maggio) è stato infatti ricoverato d’urgenza. Il motivo? Lo stesso di Tacconi: emorragia cerebrale.

Le parole dell’agente, Rob Jansen

L’ultimo, in ordine di tempo, a riferire qualcosa di più è proprio l’agente – attuale dirigente dell’Ajax – dell’ex portiere che spiega come si tratti di una situazione delicata in cui vi sono momenti migliori e altri peggiori:

A volte bene a volte meno bene: è sotto controllo e si trova in buone mani. Ricoverato in Croazia, restiamo dall’Olanda in continuo contatto con la moglie Annemarie e il figlio. Un’emorragia cerebrale è una cosa molto seria, la stessa Annemarie l’ha avuta nel 2009. Restiamo fiduciosi

Edwin van der Sar ricoverato d’urgenza: è in terapia intensiva

È stato proprio l’Ajax, attraverso un comunicato, a informare sulle condizioni di Van der Sar. Il club di Amsterdam ha reso noto che l’ex dirigente ha accusato un malore durante una vacanza in un’isola della Croazia. Trasportato in ospedale in elicottero, è ricoverato in terapia intensiva e che si trova in condizioni stabili. Quindi la necessaria postilla: “Non appena ci saranno informazioni più concrete, saranno forniti aggiornamenti. Tutto l’Ajax augura a Edwin una pronta guarigione. I nostri pensieri sono con te”, è quanto recita una nota diffusa sui canali ufficiali dalla più titolata società olandese.

L’aggiornamento: l’ex Juve in “condizioni preoccupanti”

Oggi, sabato 8 luglio, è arrivato l’atteso aggiornamento dell’Ajax: “Per il momento Edwin van der Sar rimarrà in terapia intensiva. Le sue condizioni sono stabili, ma ancora preoccupanti. L’Ajax condivide queste informazioni per conto di Annemarie van der Sar, la moglie di Edwin. La famiglia Van der Sar, insieme all’Ajax, è grata e profondamente toccata dai tanti messaggi di sostegno“. Condizioni, dunque, ancora preoccupanti. La partita, insomma, non è ancora vinta, anche se i segnali sono incoraggianti.

La carriera di Van der Sar: dall’Ajax alla Juve, poi in Premier

Nato a Voorhout, nei Paesi Bassi, il 29 ottobre 1970, Van der Sar ha iniziato a giocare a calcio nel Noordwijk per poi approdare all’Ajax nel 1990. Dopo nove stagioni in maglia biancorossa, è stato acquistato dalla Juventus nel 1999. In bianconero ha giocato per due stagioni, quelle della gestione Ancelotti, fino al 2001. In totale 88 presenze e 74 reti subite, prima di lasciar spazio a Buffon. Nel corso della carriera poi Van der Sar ha difeso i pali di Fulham e Manchester United.

Van der Sar story: le finali di Champions e il cucchiaio di Totti

Tra le partite più memorabili nella carriera di Van der Sar, oltre alla finale di Vienna della Coppa Campioni 1995, vinta dall’Ajax sul Milan, e a quella persa l’anno successivo ai rigori proprio contro la Juventus all’Olimpico, c’è la semifinale di Euro 2000 proprio in Olanda contro l’Italia: in quella occasione Totti lo beffò dal dischetto col suo celebre ‘cucchiaio’. Dopo aver appeso i guanti al chiodo, è rimasto nel calcio da dirigente. All’Ajax è tornato ufficialmente nel 2012, da dirigente del marketing. Dal 2016 e fino a qualche settimana è stato direttore generale, poi le dimissioni.

I drammi di Edwin: la moglie Annemarie e l’amico Overmars

“Mi sento finito dopo mesi di critiche, ho bisogno di prendere le distanze, rilassarmi e fare altre cose”: così Van der Sar motivò il suo addio all’Ajax, a fine maggio. Particolare curioso e inquietante: anche la moglie Annemarie nel dicembre 2009 aveva avuto un’emorragia cerebrale, quando Edwin difendeva i pali del Manchester United. Altra incredibile analogia è quella col dramma dell‘amico Marc Overmars, con cui l’ex portiere ha lavorato a lungo nell’Ajax: colpito da infarto a fine anno scorso, l’ex attaccante ora è alle prese con vari danni cardiaci. Adesso pure Van der Sar lotta: e tutti, indistintamente, fanno il tifo per lui.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...