Virgilio Sport

F1, Ferrari: è già scattato l'allarme dopo i test

Indicazioni controproducenti dopo i test in Baharain della SF21

15-03-2021 21:05

I tre giorni di test della Formula 1 in Baharain hanno lasciato, come sempre, tanti punti interrogativi sugli effettivi valori in campo. Red Bull velocissima, Mercedes in ombra, Ferrari in ripresa ma tutto potrebbe essere stravolto tra meno di due settimane quando si tornerà in pista e conterà davvero fare il tempo, in qualifica e in gara. Proprio le prestazioni, incoraggianti per i più, della SF21 col passare delle ore stanno lasciando spazio a tante incognite. L’ottimismo, anche dei vari protagonisti, da Binotto ai piloti Sainz e Leclerc, potrebbe scadere nella realtà lanciata da più parti: “La Ferrari è ancora molto indietro!

Ferrari, il punto di Mara Sangiorgio

Ha seguito da vicino nei box del Shakir, tutti i test in diretta per Sky. L’inviata Mara Sangiorgio nella sua analisi dopo la tre giorni in Baharain è piuttosto obiettiva: “La macchina guidata nei test da Leclerc e Sainz ha dimostrato di avere un buon bilanciamento ed era ben equilibrata anche in curva. La power unit è tornata finalmente a spingere. Punto a sfavore rimane il telaio che comunque è quello della sfortunata SF1000 ma non solo. L’affidabilità non è ancora ottimale e sulla gestione gomme bisognerà dare delle risposte definitive“.

L’allarme Ferrari: “Come l’anno scorso!”

Più realista con un pizzico di pessimismo l’ingegner Luigi Mazzola che ha lavorato dal 1988 al 2009 proprio in Ferrari, dapprima come Race Engineer per poi concludere con il ruolo di Dirigente Coordinatore dello sviluppo della performance vincendo 8 Mondiali Costruttori e 6 Mondiali Piloti (5 con Schumacher e uno con Raikkonen). Intervistato da PitTalk su F1Sport.it ha detto: “Di buono c’è dell’affidabilità e una vettura non difficile da guidare. Gli avversari sono migliorati e lo stesso sicuramente lo ha fatto anche la Ferrari. Insomma la Rossa è messa come lo scorso anno più o meno“.

Per gli inglesi Ferrari indietro in classifica

Nemmeno oltremanica pare ci sia grande fiducia nella Ferrari dopo la tre giorni di test. La testata inglese The-Race.com ha provato a stilare una classifica dei valori in campo mettendo a confronto prestazioni, info sui carichi di benzina e simulazioni. La Ferrari non ne esce benissimo: sesta, praticamente la stessa posizione in cui ha chiuso il mondiale lo scorso anno. Come riportato da F1passion.comIl passo avanti rispetto al 2020 è evidente, ma la Rossa non ha mai avuto la velocità della Red Bull e quando la Mercedes avrà trovato l’origine dei propri problemi la Ferrari sarà destinata a scendere rispetto alla terza posizione assoluta siglata in chiusura di test“.

Per gli esperti inglesi la Red Bull potrebbe aver scavalcato la Mercedes mentre la McLaren avrebbe beneficiato del passaggio ai motori Mercedes con la Alpha Tauri sorpresa pure davanti alla Aston Martin di Vettel. Chiudono la top ten dietro la rossa di Maranello, la Alpine, l’Alfa Romeo, la Williams e la Haas di Mick Schumacher. La sensazione, tornando in casa Ferrari, parafrasando la frase celebre del Gattopardo, è che qualcosa, molto, non tutto, sia cambiato perchè non cambi nulla.

Leggi anche:

Caricamento contenuti...