Virgilio Sport

Festa degli azzurri a Roma: il giallo del pullman scoperto

Prima le autorità hanno negato il permesso per i festeggiamenti con la nazionale sul bus scoperto in mezzo alla folla per le strade di Roma, poi è tornata sui suoi passi: ecco tutti i retroscena.

Pubblicato:

C’è un piccolo giallo che ha scatenato polemiche nella festa della Nazionale azzurra di Roberto Mancini per le strade di Roma dopo il trionfo nei campionati europei , ed è quello del pullman scoperto . I calciatori italiani sono stati ricevuti dal presidente della repubblica Sergio Mattarella al Quirinale e dal presidente del consiglio Mario Draghi a Palazzo Chigi , e avevano fatto il tragitto dal loro quartier generale nella Capitale, l’Hotel Parco dei Principi , su un pullman normale accompagnato dalla folla sui marciapiedi verso i luoghi istituzionali.

Poi però era in programma un tour su un bus scoperto con la scritta “Campioni d’Europa” per festeggiare in mezzo ai tifosi. Il tour in un primo tempo è stato negato a causa del rischio sanitario, poiché una sfilata dei campioni d’Europa avrebbe creato assembramenti eccessivi . Ma poi è cambiato qualcosa e la Questura, su richiesta diretta dei calciatori, con Leonardo Bonucci che ha fatto da portavoce, ha dato il via libera . E così i calciatori hanno potuto sfilare sul pullman con la coppa conquistata a Wembley tra due ali di folla che ha invaso il centro di Roma.

Ma perché la Questura ha consentito i festeggiamenti sul bus scoperto dopo aver inizialmente negato il permesso? E’ stato lo stesso Bonucci a spiegarlo ai cronisti: “Abbiamo vinto la trattativa, lo dovevamo ai tifosi se siamo arrivati fin qui lo dobbiamo anche al loro sostegno “. Il difensore della Juventus ha discusso animatamente fuori dal Quirinale con gli uomini del ministero dell’Interno per chiedere il permesso di salire sul pullman outdoor , permesso alla fine accordato. Dal Quirinale a Palazzo Chigi la distanza è di due chilometri, che sono stati percorsi in mezz’ora . Poi, dopo il colloquio con Draghi, la festa ha potuto finalmente avere inizio.

Ma le polemiche per questi festeggiamenti con assembramenti, che peraltro ci sono stati anche col pullman chiuso, sono scoppiate immediatamente: già nella notte di ieri, come riporta il sito de Il Fatto Quotidiano , Maria van Kerkhove , responsabile tecnico dell’Organizzazione mondiale della Sanità per la crisi Covid-19 , aveva lanciato l’allarme su Twitter : “Dovrei divertirmi a guardare il contagio avvenire davanti ai miei occhi? La pandemia non si prende una pausa stasera. La variante Delta approfitterà di persone non vaccinate, in ambienti affollati, senza mascherine, che urlano/gridano/cantano. Devastante”. E quasi certamente oggi le polemiche continueranno…

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...