Virgilio Sport

Juve, 900 milioni nei conti offshore Elkann: il club rischia? Intanto fa ricorso al Tar sui rilievi Consob

Le indagini della Procura di Torino sugli Elkann tornano a provocare ansie ai tifosi della Juventus, che nel frattempo ricorre al Tar contro i rilievi Consob sugli ultimi bilanci.

Pubblicato:

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Se mai ci fosse modo di traslare il glossario del calcio in una nicchia di esperti, lui ne farebbe parte. Non si perde una svista arbitrale né gli umori social del mondo delle curve

La Procura di Torino torna a provocare ansie ai tifosi della Juventus. Le indagini sulla controversa eredità di Marella Caracciolo, moglie di Gianni Agnelli, avviate sulla base delle affermazioni di Margherita Agnelli, figlia dell’Avvocato e di Marella, nonché madre di John, Lapo e Ginevra Elkann, potrebbero infatti avere riflessi anche sulla stessa bianconera. È soprattutto la scoperta dei conti offshore riconducibili agli Elkann, con 500 milioni di euro attribuiti a John, presidente di Stellantis, e altri 400 ai fratelli Lapo e Ginevra, per complessivi 900 milioni, a determinare inquietudini e a far rimaterializzare la classica domanda-tormentone: “Cosa rischia la Juve?”.

Elkann, quasi un miliardo nei conti offshore degli Elkann

Come riporta Il Fatto Quotidiano, la scoperta dei conti offshore degli Elkann da parte della Procura di Torino potrebbe confermare la veridicità delle tesi sostenute da Margherita Agnelli a proposito dei presunti inganni subiti nel 2004, quando la figlia di Gianni Agnelli e Marella Caracciolo accettò 1,3 miliardi di euro per rinunciare alla sua parte di eredità. Per i pm torinesi una parte dei fondi dei genitori le sarebbe stata nascosta: quelli scoperti nelle ultime settimane all’estero, appunto. Con legittimi interrogativi anche a proposito di una possibile, maxi evasione fiscale.

La Procura di Torino e la residenza in Svizzera contestata

Nel mirino anche la residenza in Svizzera di Marella Caracciolo, morta il 23 febbraio 2019 a Torino, città nella quale ha trascorso gli ultimi anni della sua esistenza sotto l’assistenza del nipote. Lo stesso John Elkann, sempre secondo quanto riportato da Il Fatto Quotidiano, nel 2019 risultava in possesso di beni all’estero, presumibilmente derivanti dall’eredità di Marella. Analoghe deduzioni sono ricavabili dalle dichiarazioni fiscali di Lapo e Ginevra Elkann. Solo più tardi, il 31 ottobre 2023, poco dopo un’ispezione della Guardia di Finanza presso una fiduciaria indicata da Margherita Agnelli come custode di beni familiari nascosti, John ha dichiarato “redditi tramite Cfc (Controlled foreign companies)”, tra cui Blue Dragons e Dancing Tree Ag.

Elkann: società in paradisi fiscali e dichiarazioni tardive

Nel corso dell’ispezione dei finanzieri sono state trovate disposizioni riguardanti una società costituita nel 2004 con sede nelle Isole Vergini Britanniche, Bundeena Consulting Inc. B.V.I., collegata al family office Tremaco Trust Reg, in Liechtenstein, dove hanno sede le due società menzionate nella dichiarazione fiscale di Elkann. Dichiarazioni integrative simili sono state presentate da Lapo e Ginevra. Le indagini sono alla ricerca di un collegamento tra l’eredità degli Agnelli e le società offshore, ma non si escludono altri luoghi e altri fondi all’estero dove potrebbero essere custoditi eventuali tesori nascosti.

Cosa rischia la Juve per i guai degli Elkann? I dubbi di Ravezzani

In tutto questo, cosa rischia la Juve? Per il giornalista e conduttore tv Franco Ravezzani, i problemi degli Elkann avranno inevitabilmente ripercussioni sul club. “Qui la domanda ironica: cosa rischia la Juve? Diventa legittima e seria”, scrive Ravezzani su X. “Laddove fosse dimostrata questa accusa, le ripercussioni interne alla numerosa famiglia sarebbero incontrollabili e coinvolgerebbero tutte le società della galassia Exor. Juve inclusa”. Più volte, infatti, anche nel recente passato, Elkann è intervenuto a sistemare i “guai” provocati dal cugino Andrea Agnelli e dalla sua gestione spregiudicata, con frequenti e provvidenziali ricapitalizzazioni.

Rilievi Consob sui bilanci: il club bianconero ricorre al Tar del Lazio

Nel frattempo la Juve rischia è già coinvolta in un procedimento, dopo la delibera 22858/2023 della Consob che ha rilevato alcune criticità relative al bilancio d’esercizio e al bilancio consolidato al 30 giugno 2022 e al bilancio consolidato semestrale al 31 dicembre 2022: nel mirino 16 operazioni incrociate, le manovre stipendi delle stagioni 2019/20 e 2020/21, oltre agli effetti contabili da ricondurre ad alcuni promemoria attinenti ad alcune operazioni di calciomercato risalenti agli esercizi 2017-18, 2018-19 e 2019-20, che hanno condotto alla rilevazione di plusvalenze nei relativi bilanci. La Juventus – come riportato in una nota – lo scorso 22 dicembre ha impugnato la delibera e la successiva richiesta di chiarimenti dinanzi al TAR del Lazio.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...