Virgilio Sport

Juventus: rottura finale tra Bonucci e Allegri, si scatena la bufera sul web

Per Leo Bonucci il divorzio con Allegri sembra inevitabile e dalla Premier League il Newcastle si fa avanti

07-07-2023 10:28

Dario Santoro

Dario Santoro

Giornalista

Scrive, commenta, racconta lo sport in tutte le sfaccettature. Tocca l'apice quando ha modo di concentrarsi sule interviste ai grandi protagonisti

Stavolta rischia seriamente di non avere neanche uno sgabello, come quello cui fu costretto a sedersi in tribuna nel 2021 negli ottavi di finale di Champions a Oporto, dopo la lite con Allegri. Sembra che la rottura tra Bonucci e il tecnico della Juventus sia ormai definitiva a sentire gli spifferi dalla Continassa. Il difensore, che già l’anno scorso era stato utilizzato col contagocce da Allegri, anche quando non era infortunato, potrebbe dire addio al club bianconero nonostante un contratto ancora in essere che scade nel 2024.

Juventus, Bonucci tentato dalla Premier

Che Bonucci non rientrasse più nei piani di Allegri, che non lo vede neanche più come terza riserva, si era capito già dall’ultima difficile stagione della Juventus. Non è più al centro del progetto e un capitano di riferimento per Allegri e la squadra. Un capitano da outsider che ha disputato quest’ultima stagione più in panchina che da titolare. Questa infinita telenovela sta per concludersi: nonostante Bonucci con la Juventus abbia ancora un anno di contratto, le voci che parlano di Premier diventano sempre più incalzanti.

Dopo Tonali al Newcastle per 70 milioni di euro, il club inglese continua a sondare in Italia e il nome di Bonucci per la difesa resta al primo posto tra le occasioni di mercato. Dopo gli addii di Paredes, Cuadrado e Di Maria, il prossimo ai saluti è Leonardo Bonucci, per Giuntoli la mission di abbassare il monte ingaggi e con la partenza di Bonucci i bianconeri si libererebbero di un contratto da 6.5 milioni di euro a stagione.

Bonucci e Allegri, un amore mai sbocciato

Tra difensore e allenatore non è mai scoccata la scintilla, anzi già dal 2017 ci fu una pace armata. Bonucci, da sempre poco propenso alle mediazioni, pare non abbia mai troppo gradito il carattere forte del suo allenatore. Non è la prima volta che Bonucci si scontra con il proprio tecnico: già in passato era capitato anche con Antonio Conte, ma il rapporto fra i due era diverso e la soluzione dei diverbi (mai avvenuti in pubblico) è sempre stata meno appariscente.

Nei mesi di tensione altissima, Allegri costrinse Bonucci al famoso sgabello di Oporto, quando il capitano rimase a guardare dalla tribuna la partita di Champions della Juve in Portogallo, dopo un plateale litigio in campo con l’allenatore durante la gara contro il Palermo che rimase negli occhi dei tifosi e anche nella testa dell’allenatore.

Dopo la parentesi al Milan, durata un solo anno, Bonucci rientrò alla Juventus ma jnizialmente senza la tanto desiderata fascia di capitano (“dovrà sudarsela”, disse Allegri). Poi le tante panchine l’anno scorso hanno sancito una rottura che sembra insanabile.

Juventus, i tifosi si schierano tra Bonucci e Allegri

Si scatena il popolo bianconero sul web: “Nessuno più lo vuole, nemmeno il suo allenatore”, “Sta diventando un parassita alla Juventus pur di non andare via e di rinunciare ai suoi soldi di contratto”, “Bonucci vuole solo i soldi della Juventus”. Andrea, Lorenzo e Alberto si schierano apertamente sulla vicenda. Ma non finisce qui, scrive Giusy: “Chi insulta Bonucci non capisce nulla di calcio, Allegri ha sempre odiato Bonucci perché è come Chiesa, ha una forte personalità e sono schietti e trasparenti. Il viscidume caratterizza invece il fantino e i suoi sostenitori e gli fa preferire i mediocri e i lecchini. Stile Juve zero“.

Anche Carolina si schiera apertamente dalla parte di Bonucci e contro Allegri: “I contratti si rispettano altrimenti si fa del male di Bonucci. Allegri da anni gli ha rovinato autostima e immagine. Per fortuna non la carriera visto che ha fatto vincere europei alla Nazionale dopo mille anni e ha vinto come Best defender in the world! Forza Leo”. Anche Alessandro fa mente locale e analizza le situazioni degli ultimi anni in casa Juve: “Quindi, dopo Cardiff, Allegri doveva andarsene, Ronaldo non doveva essere preso e oggi scopriamo anche che, dopo il Milan, Bonucci non doveva tornare. È tutto fantastico e al tempo stesso deprimente”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...