Virgilio Sport

Open Var: Aia riconosce errore in Atalanta-Roma, fatta chiarezza su Genoa-Sassuolo

A Open Var si fa luce sugli episodi dubbi avvenuti tra Atalanta e Roma e in Genoa-Sassuolo: sotto la lente il rigore concesso da Guida ai giallorossi

Pubblicato:

Domenico Esposito

Domenico Esposito

Giornalista

Da vent’anni in campo e sul campo per vivere ogni evento in tutte le sue sfaccettature. Passione smisurata per il calcio e per la sfera di cuoio. Il pallone è una cosa serissima, guai a dirgli di no

Torna Open Var, il consueto appuntamento in onda su Dazn che fa chiarezza sugli episodi più controversi dell’ultimo turno di Serie A. Sotto la lente sono finite in particolare due partite: lo scontro diretto Champions tra Atalanta e Roma e Genoa-Sassuolo.

Atalanta-Roma: il rigore che ha fatto infuriare Gasp

Al minuto 64, quando l’Atalanta era avanti di due reti, è stato assegnato un calcio di rigore alla Roma per un contatto di De Roon su Abraham ad azione ormai conclusa. Secondo procedura, in casi questo il Var non può intervenire perché c’è stata una valutazione di campo da parte di Guida. Gasperini, inviperito per la decisione, è stato nella circostanza anche ammonito.

Open Var: l’analisi del penalty concesso da Guida alla Roma

Ospite in studio Elenio Di Liberatore, ex assistente internazionale e componente della Commissione AIA, che ha fatto chiarezza sul rigore assegnato ai giallorossi da Guida. La premessa è che “Guida, che ci rappresenterà anche agli Europei, ha diretto ottimamente la gara. Ma in quella situazione si poteva fare meglio, perché non si tratta di un intervento punibile con il rigore”. Dunque, questo il giudizio finale: “Si poteva fare meglio in campo, meno al VAR, perché il contatto c’è stato”.

Genoa-Sassuolo, due episodi dubbi: il gol annullato a Thorsby

In Genoa-Sassuolo dopo soli 9′ Thorsby va a bersaglio, ma Mariani annulla il gol per un tocco di mano dopo un lungo check al VAR. “Decisione giusta – commenta Di Liberatore -. L’arbitro Mariani è stato bravo a giudicare l’assenza di fallo su Consigli in uscita, mentre il tocco di braccio di Retegui era difficilissimo da vedere in campo. Il Var Marini e l’Avar Di Bello hanno controllato ogni telecamera certificando la punibilità del tocco”.

Sotto la lente anche il rigore assegnato al Sassuolo

Analizzata poi l’azione del rigore assegnato agli emiliani per fallo di De Winter su Laurienté, inizialmente non visto dall’arbitro. Mariani ha poi cambiato idea dopo averla rivista al monitor. “La prospettiva non era ottimale dal campo – spiega Di Liberatore -. Il Var è andato a ritroso ed è stato pertinente nella decisione: scelta perfetta tanto nella forma quanto nella sostanza”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...