Virgilio Sport

Atletico Madrid-Lazio, moviola: Mancano un rigore e un rosso, Var croce e delizia

La prova di Gözübüyük nella gara dell’ultima giornata della fase a gironi di Champions League analizzata ai raggi X dall’ex arbitro De Marco

14-12-2023 08:30

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

L’olandese (di origini turche) Serdar Gözübüyük, designato per Atletico-Madrid-Lazio, ultima giornata della fase a gironi di Champions League, pur non godendo di popolarità internazionale è ben considerato dai vertici arbitrali: classe 1985, internazionale dal 2021, ha esordito invece in Eredivisie dal 2012, in Champions, nel dettaglio, vanta un curriculum fatto di 12 presenze ma come se l’è cavata ieri sera il fischietto di Haarlem?

I precedenti di Gozubuyuk con la Lazio

Per il fischietto olandese terzo incontro con la Lazio. I precedenti incroci con l’arbitro olandese non sorridono però ai biancocelesti, perdenti sia nell’ottobre del 2018 contro l’Eintracht Francoforte (4-1), si a febbraio 2022 contro il Porto (2-1), in entrambi i casi si trattava però di Europa League. Positivo, invece, il bilancio con le italiane.

In 10 incontri sono 7 le vittorie conquistate, le uniche sconfitte sono arrivate proprio con i biancocelesti e con la Roma (2-1 contro il Bodo Glimt ad aprile 2022).

Gozubuyuk ha ammonito 4 giocatori

Coadiuvato dagli assistent Erwin Zeinstra e Johan Balder con IV uomo Kooij, il tedesco Fritz al Var e lo svizzero Fedayi San all’Avar l’arbitro ha ammonito 4 giocatori, di cui 3 della squadra di Sarri: Ammoniti: Gimenez (A); Pedro, Marusic, Guendouzi (L). Recupero: 3′ pt, 2′ st .

Atletico-Madrid-Lazio, i casi dubbi

Questi i principali casi da moviola. Al 27’ probabile fallo di mano di Saul sul rimpallo che poi sfavorisce Luis Alberto: il replay non chiarisce del tutto l’episodio che è comunque avvenuto fuori area e pertanto non rivedibile al Var. Al 39’ tiro al volo di Hermoso, Lino segna ma è praticamente incollato a Provedel in netta posizione di off-side. Per Gözübüyük, complice anche l’atteggiamento silente del guardalinee, è comunque necessario l’on-field review per prendere la corretta decisione.

Al 47’ gomitata di Gimenez su Immobile che resta dolorante a terra: ammonizione ineccepibile per l’uruguaiano che poi manda platealmente a quel paese il direttore di gara rischiando il secondo cartellino. Al 52’ non c’è fuorigioco di Depay in occasione del raddoppio di Lino: sul tiro del brasiliano, l’olandese ha probabilmente soltanto un braccio oltre. Al 75’ tocco sospetto in area ai danni di Castellanos che sembra anticipare il diretto avversario: Gözübüyük lascia correre. Episodio almeno da on-field review. Infine all’89’ non sembra esserci la spinta di Kamada ai danni di De Paul.

Per De Marco c’era un rigore per la Lazio

A fare chiarezza è l’ex arbitro De Marco che a Mediaset Infinity si sofferma sul fallo subito da Castellanos nel finale del match. Ecco le sue parole: “Fallo subito da Castellanos? Era calcio di rigore. Il Var ha sbagliato. Abbiamo visto altre volte il Var intervenire per episodi molto meno gravi. Non è possibile non segnalare falli di questo tipo. Capisco l’arbitro che magari può avere una visione distorta, ma hai la tecnologia e puoi andare rivedertela. C’è troppa discrezionalità, nel caso del gol annullato poteva vederlo dal campo, senza bisogno della tecnologia”.

Nel complesso prova non del tutto soddisfacente dell’arbitro in Atletico Madrid-Lazio.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...