Virgilio Sport

Juve, McKennie contro l'Italia: "Mentalità chiusa, mi attaccano per quello che mangio"

McKennie critica la mentalità italiana, definita "chiusa" dal centrocampista della Juve: "All'inizio pensavano non potessi giocare qui perché americano. Ora hanno cambiato idea".

28-12-2023 11:18

Domenico Esposito

Domenico Esposito

Giornalista

Da vent’anni in campo e sul campo per vivere ogni evento in tutte le sue sfaccettature. Passione smisurata per il calcio e per la sfera di cuoio. Il pallone è una cosa serissima, guai a dirgli di no

Non le manda certo a dire, Weston McKennie. Intervenuto nel corso del podcast 19F, il centrocampista americano della Juventus critica la mentalità italiana – definita “chiusa” – in ambito culinario. Che dire… il coraggio non gli manca. Perché – si sa – la cucina, proprio come il pallone, è qualcosa di intoccabile nel nostro Paese.

McKennie critica l’Italia: ecco cosa ha detto il centrocampista della Juve

Divenuto un punto fermo dell’undici di Allegri nonostante in estate avesse già le valigie pronte, McKennie ha saputo riguadagnarsi sul campo la fiducia e la stima di tutto l’ambiente bianconero. Ma chissà che l’americano non abbia fatto storcere il naso a molti, juventini compresi, durante il suo intervento al podcast 19F. “ Sono qui da tre anni e mezzo e all’inizio ho sofferto lo shock culturale. In Italia la mentalità è chiusa, è tradizione – ha commentato l’ex Schalke 04 -. Ma bisogna essere più aperti mentalmente con gli altri. Un esempio? Io mangio pasta con pomodoro, pesto con pollo e tutti qui in Italia: che schifo! Ma non l’hanno mai provato”.

McKennie parla della sua famiglia e svela che lavoro fa la sorella

Il nazionale americano ha rivelato che torna spesso in Texas (oltre a esserci nato, calcisticamente è cresciuto ed è esploso con Dallas, prima di volare in Bundesliga ndr). Poi racconta qualcosa in più della sua famiglia: “Mia madre adesso è in Florida – dice -. Ho un fratello e una sorella. Mio fratello giocava a football, ma ora fa il pompiere. Mia sorella, invece, parla con gli spiriti, è una medium”.

Calciatori americani ‘di moda’ in Italia: il nuovo affondo di McKennie

McKennie torna a ripetere che “gli italiani sono chiusi di testa”. E lo fa parlando dei calciatori americani che giocano nel Belpaese. “Tutti pensano che giochiamo a football, basket… Quando sono arrivato, pensavano: è americano, non può giocare a calcio – afferma il centrocampista della Juve -. Adesso, però, ci sono Pulisic, Musah, Busio, Weah e tutti in Italia sostengono gli americani possono giocare a calcio. Gli italiani sono chiusi di testa. Ma per me non è importante quello che pensano gli altri”. Sì, il coraggio proprio non manca a Weston.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Sassuolo - Napoli
Inter - Atalanta
SERIE B:
Venezia - Cittadella
Pisa - Modena

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...