Virgilio Sport

De Laurentiis torna a parlare e attacca Serie A e Superlega

Il presidente del Napoli rompe il silenzio e si sfoga: "Nell'ultimo anno e mezzo è stato un campionato molto falsato. Napoli-Verona? una grande delusione".

30-06-2021 16:46

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha rotto il silenzio ed è tornato a parlare in conferenza stampa: “Il Covid non ce l’aspettavamo, ci ha colti impreparati e sono stati momenti difficili. Un problema avuto a marzo lo scorso campionato, ritardando la fine dello stesso e non avere tempo e spazio di riprogrammare quella seguente. Non sapevamo se gli stadi riaprivano e quando, non abbiamo avuto un ritiro e mercato vero: dobbiamo fare la corsa a chi sta nel calcio grazie a noi e anzichè tutelarci ci crea problemi non da poco. Il calcio per colpa del Covid è sotto di un miliardo e mezzo, ma non mi sembra che il Governo italiano abbia tentato un’innovazione. Bisogna trovare una soluzione, non è mai stato fatto nulla: da 40 anni si dice che c’è una legge sbagliata e nessuno la cambia perchè dicono che deve pensarci il Governo, ma il Governo non fa nulla”.

De Laurentiis su Euro 2020: “Leggevo della possibilità di fare la finale degli Europei a Londra con 75mila spettatori, forse ora riducibili a 25mila… Ricordo che nel primo lockdown mi si chiese di giocare in Spagna: risposi ‘siete matti? E’ più importante una partita che la salute dei popoli?’. Questo mi scandalizza ancora, noi tra poco pubblicheremo i calendari… Draghi deve prendere atto che ci sono più di 30 milioni di italiani che nel calcio trovano una valvola di sfogo. L’80% sono uomini che lavorano per il Paese: perchè allora lui, che gode di tutta la mia stima, si disinteressa completamente al mondo del calcio e non convince i suoi colleghi a resettare all’unisono la partenza dei rispettivi campionati a una data che sia serena in chiave vaccinale? Perchè in Europa non c’è un’obbligatorietà ai vaccini e sento tanta gente in giro che non vuole farlo?”.

Il presidente del Napoli è tornato a parlare dell’ultimo match di campionato: “Napoli-Verona? E’ stata una grande delusione. Io nell’intervallo sono andato negli spogliatoi a suonare la grancassa, mi ha fatto piacere vedere il goal che mi ha quasi rilassato ma non il successivo pareggio. Arrivi alla fine di un campionato così negativo e complesso sul piano della tensione nervosa, perchè giochi sul filo di lana un secondo, terzo o quinto posto dove il risultato degli altri conta più di ogni altra cosa e dove tu sei stato già bastonato varie volte durante l’anno in partite dove meritavi di più in termini di resa. Poi c’era l’episodio di Napoli-Cagliari che già ci aveva creato patemi. Non ho nulla da recriminare, nell’ultimo anno e mezzo è stato un campionato molto falsato. Già stiamo pensando di partire il 20 agosto senza sapere se potremo ospitare i tifosi. Abbiamo fatto un assist agli Europei, senza sapere nemmeno se si potesse girare per l’Europa. Vorrei tanto che alcuni colleghi dicessero: ‘Aurelio hai ragione, convinciamo 7/8 squadre a non partire'”.

Sulla Superlega: “Florentino Perez non mi ha mai contattato. Non sono mai stato a favore del progetto perchè ne faccio una questione economica come loro, ma non è che facendo un super torneo a 12 dove tu inviti gli altri, hai risolto i problemi dell’economia del calcio. Li risolvi se sei cosciente che Champions ed Europa League economicamente non servono a nessuno, perchè Perez non ha avuto il merito di creare la Superlega – una grandissima cretinata – ma quello di dire ‘perchè devo crearla?’. Non possiamo andare avanti con questi fatturati facendo un assist a chi dovrebbe fare segretariato e invece vuole comandare”.

De Laurentiis chiude parlando di Spalletti e del rinnovo di Insigne: “Luciano ha avuto sempre la mia stima e considerazione, prima di tornare alla Roma era ancora sotto contratto con lo Zenit e mi disse che non poteva muoversi e noi virammo su Benitez o Sarri. Lo trovo uno che sa allenare molto bene, contro di lui non è mai stato semplice giocare e in contesti come quelli di Inter e Roma la mancanza di proprietà non metteva le cose in chiaro nello spogliatoio se l’è cavata molto bene. Il rinnovo di Insigne? Con lui non ci siamo proprio visti causa calendario e impegni con la Nazionale. Per non ‘incasinare’ anzitempo la situazione, dopo gli Europei ci vedremo, ci parleremo e sarà quel che sarà”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...