Virgilio Sport

La classifica senza errori arbitrali, 24ma giornata: boom di polemiche

Non mancano polemiche e discussioni in serie A: tanti i casi controversi anche nella quinta giornata del girone di ritorno. Ecco come cambia la classifica depurata dalle sviste e dagli errori arbitrali.

01-03-2023 10:30

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Se mai ci fosse modo di traslare il glossario del calcio in una nicchia di esperti, lui ne farebbe parte. Non si perde una svista arbitrale né gli umori social del mondo delle curve

Polemiche a non finire anche nella 24ma giornata di serie A, articolata addirittura su quattro giorni di gare, dal sabato al martedì. Proteste, recriminazioni e dubbi in almeno sei partite, con qualche erroruccio da parte dei direttori di gara. Del resto, ci avviciniamo allo sprint finale del campionato e tutto – tranne lo scudetto – è ancora in gioco: i punti, dunque, valgono doppio per la zona Champions, le altre coppe europee e la salvezza. Vediamo come cambia lanostra classifica di serie A senza errori arbitrali.

Registrati a Virgilio Sport per continuare a vedere questo contenuto

Bastano pochi click

Polemiche arbitrali: Empoli-Napoli e Bologna-Inter

Il turno si è aperto con l’ennesima vittoria del Napoli, corsaro al Castellani di Empoli. Sul primo gol degli azzurri, in realtà un’autorete, qualche protesta per la posizione irregolare di Osimhen al momento del cross di Rrahmani deviato nella propria porta da Ismajli: corretta la valutazione di Ayroldi, che ha giudicato passiva la posizione del nigeriano. Nessun dubbio poi sul rosso a Rui per fallo di reazione su Caputo. A Bologna, corrette le decisioni di Orsato di non assegnare rigore ai rossoblu per tocco di mano di Darmian e di annullare per fuorigioco di Dominguez il successivo gol di Barrow.

Dubbi e proteste in Udinese-Spezia e Milan-Atalanta

Grandi proteste dell’Udinese per la mancata concessione di un penalty nel finale della sfida con lo Spezia. Dragowski manca la presa, Beto si avventa sul pallone e cade sull’uscita del portiere: per l‘arbitro Marchetti non c’è rigore e, a guardare e riguardare le immagini, la decisione appare corretta. Discreta pure la prestazione di Mariani a San Siro in Milan-Atalanta. Leao rimedia un giallo per proteste vista la mancata espulsione di Toloi per un fallo di mano su un suo contropiede, ma la valutazione del fischietto di Aprilia sull’episodio è quella giusta.

Gli arbitri delle romane: si lamentano Sarri e Mourinho

A chiudere la giornata, le polemiche degli allenatori di Lazio e Roma. Sarri chiede due rigori contro la Sampdoria per falli su Pedro e Zaccagni, ma l’arbitro Colombo valuta correttamente entrambi i casi. Mourinho, invece, vuole addirittura denunciare il quarto uomo Serra, “responsabile” della sua espulsione. Il tecnico giallorosso lamenta un fallo di mano di Valeri nell’azione del gol di Tsadjout (braccio aderente al corpo, giusto non annullare la rete) e un fallo su Spinazzola al limite dell’area prima del suo rosso: in questo caso ha ragioni da vendere. Troppo poco, però, per giustificare proteste così plateali e soprattutto per considerare falsata la partita di Cremona.

La classifica senza errori arbitrali di Serie A

Ecco la classifica di Serie A 2022-2023 senza errori arbitrali, aggiornata al netto di tutte le sviste determinanti dei fischietti:

class
reale
diff
punti
class
virtuale
NAPOLI 65 NAPOLI +2 63
INTER 47 ROMA -3 47
MILAN 47 LAZIO -1 46
LAZIO 45 MILAN +2 45
ROMA 44 INTER +5 42
ATALANTA 41 ATALANTA +2 39
JUVENTUS (-15) 35 JUVENTUS (-15) -1 36
BOLOGNA 35 FIORENTINA -5 33
TORINO 31 TORINO -2 33
UDINESE 31 BOLOGNA +5 30
MONZA 29 LECCE -2 29
FIORENTINA 28 UDINESE +2 29
EMPOLI 28 MONZA +1 28
SASSUOLO 27 SASSUOLO 27
LECCE 27 SPEZIA -4 24
SALERNITANA 24 EMPOLI +5 23
SPEZIA 20 SALERNITANA +1 23
VERONA 17 VERONA 17
CREMONESE 12 SAMPDORIA -2 13
SAMPDORIA 11 CREMONESE -1 13

IL REGOLAMENTO

Questa classifica è stilata sulla base di quello che avviene in campo, in occasione di episodi decisivi e che possono determinare direttamente il risultato, come i gol convalidati o annullati, i rigori concessi o non concessi, un’espulsione esagerata o ingiusta a tanti minuti dalla conclusione del match. Non sono considerate le variabili non direttamente determinanti, come i cartellini gialli, i falli veri o presunti avvenuti nell’azione precedente a quella che ha portato a un gol, le rimesse laterali, i corner contestati, un’espulsione contestata in zona Cesarini, ecc. In caso di parità di punti tra due o più squadre, è premiata quella che ha subito più penalizzazioni nell’arco del campionato.

L’Albo d’oro del Campionato di Serie A senza errori arbitrali di Virgilio Sport

Ecco i vincitori dello speciale campionato di Virgilio Sport, giunto alla sua quarta edizione.

2019-20: Inter
2020-21: Inter
2021-22: Milan

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...