Virgilio Sport

Serie B, quante rivoluzioni in panchina, da Dionisi a Grosso le novità e i confermati

La Juve Stabia dovrebbe confermare Guido Pagliuca. Situazione particolare in casa Pisa, in pole c'è Pippo Inzaghi, Luca D'Angelo resta allo Spezia

Pubblicato:

Ylenia Cucciniello

Ylenia Cucciniello

Football Specialist

Giovanissima e appassionatissima di tutto lo sport: scrive di calcio giocato ma non rinuncia allo sguardo sull'extra campo, dove spesso si trovano risposte che il rettangolo verde non riesce a restituire

Manca solo un ultimo club, che sarà deciso dalla finalissima dei playoff di Serie C, per completare il quadro della Serie B 2024/25. Intanto, i 19 club già certi della permanenza in cadetteria sono già a lavoro per programmare gli obiettivi della prossima stagione. Tra conferme, nuovi arrivi e dubbi su direttori sportivi e allenatori, la Serie B del prossimo anno inizia man mano a prendere forma, preannunciandosi equilibrata e rinnovata.

Il Palermo riparte da Dionisi, Grosso al Sassuolo

Un importante cambio in panchina e nell’area tecnica arriva proprio dal Palermo, dove nei giorni scorsi è stato annunciato l’arrivo dell’allenatore Alessio Dionisi, reduce dall’esperienza con il Sassuolo. A completare la rivoluzione, Morgan De Sanctis è stato nominato direttore sportivo, subentrando a Rinaudo. Per quanto riguarda il club neroverde, retrocesso in Serie B, sarà Fabio Grosso, dopo le esperienze a Frosinone e Olympique Lione, a prende in mano la squadra per ripartire.

Altri club, invece, hanno deciso di confermare la fiducia nei propri allenatori. È il caso del Brescia, che proseguirà il percorso con Rolando Maran. Subentrato lo scorso novembre, l’ex Chievo ha prolungato il contratto con i biancazzurri fino al 2026. Anche il Cittadella dovrebbe confermare Edoardo Gorini, reduce dalla tranquilla salvezza conquistata in questa stagione. Bene anche Giovanni Stroppa, che continuerà il suo percorso alla guida della Cremonese dopo la finale playoff persa contro il Venezia; insieme a lui, confermato il direttore sportivo Simone Giacchetta.

Il Mantova, neopromosso, non ha dubbi: dopo il dominio nel girone A di Serie C, il club ha deciso di rinnovare la fiducia anche in Serie B di Davide Possanzini. Cambio del direttore sportivo nel Modena, con la separazione da Vaira e l’arrivo di Catellani. Confermato, invece, l’allenatore Bisoli, che ha firmato un contratto fino al 2025. Lo Spezia, dopo aver conquistato la salvezza, ha trovato l’accordo per il prolungamento del contratto di Luca D’Angelo fino al 2027, nonostante le diverse offerte ricevute da altri club. Per il tecnico, è stata aggiunta anche un’opzione per un ulteriore anno in caso di promozione in Serie A. Verso la conferma anche di Federico Valente con il Sudtirol, attesa nella giornata di lunedì, subentrato a Bisoli nella stagione appena conclusa. Con lui, confermato anche il direttore sportivo Bravo.

Bari su D’Aversa, Vivarini verso la Serie A

Molte squadre sono in fase di restyling sia a livello dirigenziale, sia in panchina. Il Bari, reduce dalla salvezza dopo i playout sotto la guida di Federico Giampaolo, è in fase di ricostruzione dopo la separazione dal direttore sportivo Polito. In pole c’è Magalini dal Catanzaro, mentre ci sono già idee per la panchina: al momento si parla di D’Aversa, anche se l’allenatore sembra essere vicino al neopromosso Cesena, pronto a sostituire Domenico Toscano.
La permanenza di Vivarini al Catanzaro sembra essere in bilico. Il tecnico è nel mirino di alcune squadrre di Serie A, in particolare Venezia e Udinese. Anche il club calabrese dovrà decidere il nuovo direttore sportivo, con Magalini in uscita e la possibilità di vedere Lovisa della Juve Stabia in quel ruolo. A Frosinone, resta da capire se Di Francesco, dopo la retrocessione, rimarrà sulla panchina giallazzurra. Il direttore dell’area tecnica Angelozzi vorrebbe ripartire dal tecnico di Pescara, ma l’allenatore è corteggiato da alcuni club di Serie A.
Dopo la promozione in Serie B, la Juve Stabia dovrebbe confermare Guido Pagliuca, anche se permangono dei dubbi. Situazione particolare in casa Pisa e Reggiana. Per i nerazzurri, è in pole Pippo Inzaghi per la panchina, mentre come direttore sportivo, con Stefanelli destinato alla Juventus, dovrebbe arrivare l’ex Sassuolo Rossi.
Per quanto riguarda il club granata, dopo la promozione del direttore Pizzimenti, è costretta a cercare un nuovo allenatore dopo la partenza di Nesta al Monza. Al momento, Fabio Caserta sembra essere in vantaggio su Abate e Aquilani, quest’ultimo attenzionato dalla Salernitana. Come ds, resta favorito Petrachi, salvo cambiamenti legati alla possibile cessione del club. Riguardo il club campano, la prima scelta per la panchina è Andrea Sottil. Dubbi anche sul direttore sportivo. Infine, la Sampdoria, con l’arrivo di Accardi, penserà nei prossimi giorni all’allenatore, che dovrebbe essere ancora Andrea Pirlo.

Vicenza o Carrarese: ecco la situazione

Due squadre, un solo posto in Serie B. Vicenza e Carrarese si giocano l’ultimo posto per la cadetteria nella finalissima dei playoff di Serie C in programma domenica 9 giugno a Carrara, dove si ripartirà dallo 0-0 maturato all’andata al Menti. Sulla panchina dei biancorossi, al momento siede Stefano Vecchi, subentato a stagione in corso ad Aimo Diana, mentre su quella dei gialloblù c’è Antonio Calabro, che ha sostituito Dal Canto.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...