Virgilio Sport

Ibra-Lukaku, nuovo round in Svezia-Belgio: dalla Premier al derby quante liti

Ci sono ruggini di vecchia data tra Ibra e Lukaku, i grandi protagonisti della sfida di stasera a Solna tra Svezia e Belgio: dalla Premier a un derby tra Milan e Inter, quante liti tra i due.

Pubblicato:

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Se mai ci fosse modo di traslare il glossario del calcio in una nicchia di esperti, lui ne farebbe parte. Non si perde una svista arbitrale né gli umori social del mondo delle curve

L’augurio è che il nome dello stadio teatro della partita, la Friends Arena di Solna, presso Stoccolma, inviti a mettere da parte gli antichi rancori. Perché Svezia-Belgio, la prima sfida del gruppo F di qualificazione ai prossimi Europei del 2024 in Germania (fischio d’inizio alle 20.45), potrebbe essere l’occasione buona per regolare vecchi conti tra Ibra e Lukaku. Dalla Premier a un derby tra Inter e Milan, ci sono state diverse ruggini tra i due in passato. Un faccia a faccia prima metaforico, poi letterale: chi non ricorda la lite clamorosa in una sfida di Coppa Italia del 2021, in un San Siro deserto per la pandemia Covid?

Ibra-Lukaku, le prime ruggini in Premier League

I due sono stati compagni di squadra al Manchester United, nella stagione 2017-18. Ibra fece un gesto di cortesia verso il belga, appena acquistato dai Red Devils per 85 milioni di euro: “Mi ha chiamato dicendomi: fratello, posso avere la maglia numero 9? E io gli ho detto: fai pure, voglio solo che ti senta sereno. Però io mi prendo la 10”. Re Zlatan era infortunato a inizio anno e Big Rom fece gol a grappoli: 10 in 11 gare. Poi, quando tornò lo svedese, smise di segnare e si immusonì. “Il problema più grande di Lukaku è la presenza di Ibrahimovic” sentenziò Rio Ferdinand, ex leggenda United e commentatore tv.

Lukaku e Ibra faccia a faccia nel derby deserto

Poi le loro strade si sono divise, ma il destino li ha riportati nella stessa città. Dopo un derby vinto a febbraio 2020, Lukaku si autoincoronò con fierezza: “Sono il re di Milano“. La risposta di Ibra a ottobre, dopo un 2-1 per il Milan sull’Inter, sobria più che mai: “Milano non ha mai avuto un re ma un Dio“. E infine lo scontro a febbraio 2021, in Coppa Italia. Un faccia a faccia condito da qualche parolina di troppo, con Ibra a provocare Lukaku su una storiella inventata dall’ex azionista di maggioranza dell’Everton – “Vai da tua madre, vai a fare le tue stronzate vudù, piccolo asino” – e il belga a replicare per le rime: “Perché parli di mia madre? Fottiti, tu e tua madre. Parliamo di tua mamma, che è una p…”.

Svezia-Belgio, Ibra e Lukaku di nuovo avversari

Lite che continuò negli spogliatoi, tra accuse di razzismo a Ibra – poi rientrate – e minacce di morte di Big Rom: “Ti sparo in testa hai capito? Ti sparo in testa”. Dopo il passaggio di Lukaku al Chelsea, con i problemi fisici di Ibrahimovic che lo hanno tenuto fuori dalla prima parte del campionato al Milan, i due non si sono più incrociati in campo. Lo faranno stasera, in Svezia-Belgio. Nella storia tra i due c’è pure una scommessa, raccontata dallo svedese. “Ti do 50 sterline per ogni stop giusto”, disse Ibra a Lukaku che rispose: “E se li azzecco tutti, cosa mi dai?”. “Nulla, semplicemente ti rendo un calciatore migliore”. Scommessa che il belga non ha mai accettato.

Tags:

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...