,,
Virgilio Sport SPORT

L'Italia sfida la Svizzera, Mancini: "Servirà una grande partita"

Roberto Mancini in conferenza alla vigilia di Italia-Svizzera: "C'è grande tensione come sempre. Verratti sta bene, vedremo se portarlo in panchina".

Dopo il convincente esordio contro la Turchia, l’Italia si appresta a scendere in campo per la sua seconda partita a Euro 2020. Avversaria degli Azzurri sarà la Svizzera di Vladimir Petkovic che ha fatto il suo debutto nella massima competizione europea pareggiando 1-1 contro il Galles.

Roberto Mancini, nella conferenza stampa di presentazione della gara, ha spiegato quali saranno le insidie del match dell’Olimpico. “C’è tensione come sempre come sempre ed è giusto che sia così. Siamo attesi da una partita importante come lo è stata la prima. Proviamo grande rispetto per la Svizzera”.  

La Svizzera non rappresenta un avversario semplice da affrontare. “Parliamo di una squadra che è sempre tra le prime dieci del ranking europeo,che è allenata da un tecnico che conosce benissimo il calcio italiano e che ha sempre messo in difficoltà la nostra Nazionale. Per questo abbiamo grande rispetto e sappiamo che servirà una grande partita”.

In questi giorni si è parlato molto dell’undici titolare e dei possibili ballottaggi. “Nella nostra squadra sono tutti titolari. Anche quando cambiamo qualcosa le cose vanno sempre bene e questo per merito dei ragazzi. Abbiamo solo bravi giocatori. Alla fine si gioca in undici, ma non importa chi va in campo, tutti faranno la propria partita e la faranno bene”.

Tra gli argomenti che da giorni stanno tenendo banco, anche il possibile trasferimento di Donnarumma al PSG. “Sinceramente non so nulla e non so nemmeno che cosa potrà accadere nei prossimi giorni. Donnarumma è un ragazzo per bene e farà la sua scelta in tranquillità. Se dovesse andare al PSG sceglierebbe una grande squadra”.

Il commissario tecnico Azzurro si è soffermato sulla possibilità di cambiare modulo e sulle qualità degli elvetici. “Noi potremmo anche cambiare, i ragazzi sanno quello che devono fare sul campo, abbiamo una nostra idea di gioco. Conosciamo bene la Svizzera, l’abbiamo anche nel nostro girone di qualificazione ai Mondiali, sappiamo che sono forti, quadrati e che hanno molti giocatori tecnici. Non dovremo sbagliare niente”.

Tra gli uomini di punta della Svizzera c’è anche Shaqiri, un giocatore che Mancini ha allenato ai tempi dell’Inter. “Un grande giocatore che all’Inter ha fatto quello che doveva fare. Purtroppo quella era una squadra in costruzione e lui era del Bayern e tornò in Germania. A livello di mezzelune per me è uno dei più forti in Europa”.

Mancini non si è sbilanciato sul cammino Azzurro. “Per andare a Wembley l’11 luglio serve prima andare agli ottavi. Questa sera vedremo giocare tre tra le grandi favorite per la vittoria degli Europei. Io sono sempre fiducioso, la nostra è un’ottima squadra che può solo migliorare. Adesso proviamo a vincere la prossima e se possibile anche quella dopo. Siamo chiamati a fare il massimo”.

Infine un accenno sulle condizioni di Marco Verratti. “Sta bene. Domani decideremo se verrà in panchina o se invece aspetteremo la prossima partita per portarlo con noi. Siamo però ottimisti”.

OMNISPORT | 15-06-2021 17:28

L'Italia sfida la Svizzera, Mancini: "Servirà una grande partita" Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...