Virgilio Sport

Europei U21, è sempre Italia-Francia: le stelle dei galletti e come giocano

Individualità fenomenali per il tecnico Ripoll, dal duo di centrocampo Caqueret-Thuram all'attacco dei vari Gouiri, Olise, Kalimuendo e Wahi: ma il collettivo ancora non c’è  

21-06-2023 13:26

Fabrizio Napoli

Fabrizio Napoli

Giornalista

Giornalista professionista, per Virgilio Sport segue anche il calcio ma è con la pallanuoto che esalta competenze e passioni. Cura la comunicazione di HaBaWaBa, il più grande festival di waterpolo per bambini al mondo

Primo avversario degli azzurrini agli Europei U21, la Francia allenata da Sylvain Ripoll è una delle favorite del torneo di Romania e Georgia, grazie soprattutto ad un enorme potenziale offensivo. In questa stagione, però, le cose non sono andate benissimo ai galletti: scopriamo dunque come gioca la Francia U21 e chi sono le sue stelle.

Francia U21, tante individualità ma poco collettivo

La Francia che affronterà domani l’Italia nella partita d’esordio del girone D degli Europei U21 è una squadra dal potenziale gigantesco, ma che non sembra aver trovato ancora un proprio equilibrio. Dopo la vittoria in amichevole dello scorso settembre sulla Germania (2-1), i galletti hanno collezionato tre pareggi (contro Belgio, Norvegia e Spagna) e un pesantissimo k.o. per 4-0 contro l’Inghilterra: complessivamente nella stagione 2022/23 la Francia U21 ha giocato 5 partite segnando 4 gol e subendone ben 7.

Francia U21: Caqueret e Thuram le stelle del centrocampo

Il 4-2-3-1 scelto dal tecnico Sylvain Ripoll – in carica dal 2017 – per sfruttare il talento offensivo della Francia non pare dunque aver dato i suoi frutti fino a questo momento. I galletti sono squadra che fa possesso, ma che tende a sbilanciarsi, soprattutto per l’assetto del centrocampo: il “doble pivote” composto da due vere stelle della Ligue 1 – il capitano Caqueret del Lione e Kephren Thuram, figlio di Lilian e stella del Nizza – sono giocatori eleganti e intelligenti con la palla, ma che a volte sono apparsi in difficoltà nel coprire ampie fette di campo come il modulo scelto da Ripoll richiede.

L’attacco stellare della Francia U21, da Gouiri a Wahi

Se riuscirà a chiedere ai talenti dell’attacco di dare una mano a centrocampo e difesa, però, Ripoll però potrebbe vedere la Francia volare verso il titolo. La batteria di trequartisti o attaccanti esterni è strepitosa, dal talento scuola Lione Gouiri, esploso al Rennes con 17 gol tra Ligue 1 ed Europa League, a Michael Olise, ala del Crystal Palace che dopo aver servito 11 assist nell’ultima Premier League ha visto schizzare la sua valutazione oltre i 40 milioni di euro. E poi Rayan Cherki, fantasioso trequartista del Lione con lontane origini italiane seguito anche da Roberto Mancini per un’eventuale naturalizzazione, ed Enzo Le Fee del Lorient, fantasista di culto per chi ama i talenti cresciuti nelle squadre minori della Ligue 1. Il ruolo di centravanti se lo giocano altre due grandi promesse: Kalimuendo, ceduto dal Psg al Rennes per 20 milioni la scorsa estate, ha segnato 7 gol in Ligue 1; ben 19, invece, i centri di Wahi, bomber del Montpellier.

Francia U21, fascia destra “made in Italy”

In difesa la Francia ha una fascia destramade in Italy” – il titolare come terzino sinistro è Kalulu del Milan, la riserva Gendrey del Lecce – e giocatori scafati in mezzo: Badè ha vinto l’Europa League col Siviglia, Simakan è una colonna del Lipsia, valutato circa 35 milioni di euro. Individualmente pare dunque non esserci partita tra i galletti e gli azzurrini, ma lo spirito di gruppo e il collettivo potrebbero far la differenza nella prima partita di entrambe agli Europei U21.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...